+ fifty four = fifty eight

Spagna, terra dei mille colori, terra del sole, terra della corrida.

Nel centro della Spagna sta prendendo piede un bel movimento techno underground; in precedenza abbiamo recensito l’album in uscita di Psyk; questa invece è la volta dei connazionali Alberto Pascual e Ribe.

I due producer iberici rilasceranno nello stesso catalogo quattro produzioni; esso sarà disponibile ufficialmente il 12 Maggio in vinile, e il 19 Maggio in digitale.

Questa è la suddivisione dei brani all’interno dell’uscita:

A1. Alberto Pascual – Deliquio

A2. Alberto Pascual – Dedaio

B1. Ribe – Inception

B2. Ribe – Doom

A1. DELIQUIO

Disco di apertura che mette subito in chiaro le regole!

Ci troviamo dinanzi ad una grande produzione Dark Techno, 130 bpm, cassa e basso cupissimi e imponenti.

La struttura e la stesura della produzione sono delle più classiche in ambito dark techno e techno in generale: poche pause, pochi attimi per respirare e un groove che cresce progressivamente con l’avanzare dei minuti.

Notiamo una notevole impronta artistica di Alberto Pascual nell’uso di percussioni “sporche”; oltre alla cassa-basso, c’è una molteplice linea di hat, crash e ride pieni di ‘’noise’’, che creano un mood con la traccia molto importante.

Belli e decisi sono i synth che troviamo, entrano progressivamente senza mai creare trambusto all’interno della produzione. Sono synth con una sonorità non nuova ma sempre piacevole, che accompagnata da quelle ritmiche molto “deep” coinvolgono in pista senza sforzi.

Voto da 0 a 5: 3

A2. DEDAIO

Produzione molto simile alla precedente, sempre techno e sempre dark.

La struttura e la stesura sono pressappoco identiche con una piccola differenza; qui a metà traccia troviamo un’unica pausa, molto marcata e netta, che a noi è piaciuta molto come scelta; potrebbe avere un grandissimo impatto sulla pista.

Sentiamo una sonorità palesemente differente, kick e bass sempre cupissimi, ma leggermente meno sporchi e cupi.

Non troviamo la frequente presenza di noise che vanno a sporcare la fluidità del disco, anzi sono molti e vari i synth utilizzati; a livello di sonorità per nulla comunissimi e la ritmica crea un grosso feeling.

Nel complesso davvero un gran lavoro, tutto molto dosato e usato quando occorre.

Per noi questa produzione merita un bel 3,5

B1. INCEPTION

Notiamo un netto cambio di stile rispetto a quello di Alberto Pascual.

Ribe adopera un kick molto clean, accompagnato da un basso leggermente reverberato e delayato che lo sposa alla grande.

Nel primo minuto e mezzo la dinamica del pezzo è resa più fluida da un semplicissimo hat in levare, e pian piano iniziano a comparire i primi suoni e synth a connubiare il tutto.

I vari lead che notiamo sono abbastanza lavorati, scritti con semplicità e incisività.

Questo progressivo andare della traccia è tra le sonorità più apprezzate nei club a parer nostro.

Voto 3,5

B2. DOOM

A questo lavoro si addice la posizione di chiusura.

Traccia atipica rispetto alle tre precedentemente esaminate; si distacca totalmente a livello di ritmica e sound. Beating molto classico e pulito, accompagnato da vari synth che intrecciandosi creano un effetto “swing” per tutta la durata del pezzo.

A nostro parere la miglior traccia tra le quattro, ed è per questo che non vi svegliamo altro.

Voto 4 +

Nel complesso quattro lavori che coesistono allegramente; tutte produzioni suonabili in qualsiasi situazione techno. Consigliamo vivamente l’acquisto!

Etichetta: EX AEQUO Records
Artista: Alberto Pascual, Ribe
Titolo: Deliquio
Formato: Vinile & Digitale
Data uscita: Maggio 12 (Vinile), Maggio 19 (Digitale)

Civppix