69 − sixty four =

P:ANORIG è il nuovo innovativo live set-up concept di Francesco Tristano. Nel video illustrativo eccone una sintetica ma esaustiva dimostrazione.

Per la verità, non è la prima volta che Francesco Tristano rende noto al pubblico del suo futuristico progetto.

P:ANORIG regala una completa esperienza audio-visiva molto suggestiva e mai testimoniata fino ad ora; nasce dalle ambizioni dello stesso Francesco e dal loro incontro con una specilizatissima equipe di architetti e designers da interni, eccellenze di uno degli studi più rinomati del mondo, gli Vilablanch studios di Barcellona.

Proprio a Barcellona nel mese di Giugno, in occasione dell’ultimo Sónar Festivalpresso uno degli storici teatri della città, El MolinoFrancesco ha presentato la prima volta il set-up P:ANORIG in esclusiva per il party celebrativo del trentennale di Transmat, leggendaria etichetta di Detroit fondata nel 1986 da Derrick May; prima ancora che collega, suo grandissimo amico.

Quì, qualora siate incuriositi su ulteriori dettagli specifici di quel che ne fu: Transmat 30th anniversary presents: Francesco Tristano P:anorig feat special guest and more!

Nel dettaglio, quali sono le incredibili forme di questo progetto? Cosa possiamo dire in merito la sua natura così avanguardista?

Partendo dal momento della sua prima concettualizzazione, fino la sua concreta realizzazione, è passato quasi un anno di durissimo lavoro; un lavoro primariarmente finalizzato nel dare forma a qualcosa di visivamente accattivante per il pubblico, nonchè pratico e funzionale per l’artista stesso, qualcosa che riuscisse a suscitare soprattutto un “meraviglioso senso di stupore”.

P:ANORIG è uno “strumento” tramite cui canalizzare una performance in grado da riempire di concretezza un show che sia manifesto assortito di una completa, sferica e sistemica esperienza sensoriale.

Arte, musica, design, studio di luci ed ombre; singole facce di un un’unica forma pluridimensionale, espressioni di singole ideologie unidirezionalmente confluite secondo una condivisa matrice di fondo: il prodotto conclusivo, rispetta i canoni ideologici di un minimalismo fino, elegante ed intelligentemente ricercato.

Parlando di luci ed ombre, molto interessante è la testimonianza di Mau Morgó, responsabile del Lighting Design: “The most important part of this project, expecially in the lighting, is not the light, It’s the shadows!”

Mai in una realtà di questo genere, la luce (e non parliamo di visuals, ma proprio dell’elemento LUCE inteso nella sua più generale e anonima interpretazione), ha ricoperto un ruolo così fondamentale, un ruolo assimilabile al pari della generale impiantistica musicale.

A fine video, troverete un’altra testimonianza davvero molto interessante che non possiamo non riportarvi all’attenzione: Derrick “The Innovator” May, non si trattiene dall’elogiare la figura artistica di Francesco, rilevando le incredibili potenzialità che potrebbero derivare dall’incontro tra quest’ultimo e il progetto di cui è fautore.

L’appuntamento è allora fissato per l’8 Ottobre all’Umspannwerk Kreuzberg di Berlino: Derrick May si unirà a Francesco ed al suo P:ANORIG per un coinvolgente evento powered by Electronic Beats.

Per maggiori Info

ERRE