eighty nine + = ninety four

acousticcloak-parkett

NEWS di Roberto Acquafredda

Dì la verità. Quante volte hai sognato di startene in disparte a guardare senza essere visto e ascoltare senza essere sentito? Invisibile.

Non la avresti mai voluta una pozione segreta, un mantello magico che ti nasconda ai sensi del mondo? Si, certamente.

Ora ti aspetterai ti dica che finalmente qualche scienziato pazzo in una qualsiasi remota parte del globo abbia inventato un congegno che realizzi il tuo sogno. No, chiaramente. O meglio, non del tutto. Qualcosa di simile.

I ricercatori della Duke University (USA) hanno costruito un mantello acustico a tre dimensioni che reindirizza le onde sonore al fine di rendere ‘invisibile’ alle stesse un oggetto posto al di sotto del dispositivo. Il suono attraversa il mantello come se non ‘vedesse’ altro che una superficie liscia sul proprio percorso.

Il dispositivo ha una struttura apparentemente semplice: è costituito di fogli di plastica perforati sovrapposti l’uno sull’altro. I fori sulla superficie deviano il percorso delle onde sonore facendo sì che queste attraversino il mantello (e l’oggetto nascosto) senza subire deviazioni nella traiettoria.

Le applicazioni del progetto sono varie ma in particolare il mantello dell’invisibilità sonora potrebbe rivelarsi una grande rivoluzione nel campo della progettazione di teatri e auditorium oltre che in quello della correzione acustica di sale e strutture esistenti.

Non è ancora quello che desideravi, lo immagino. Ma magari potrai sempre usarlo quando la tua ragazza ti urlerà contro di avere ancora i desideri di un bambino.

Roberto Acquafredda