seventeen − 15 =

RIlasciata nel 1995 da uno dei maestri della house music Kenny “Dope” Gonzalez, “The Bomb” risulta ancora oggi uno dei pezzi house anni 90 più suonati ed apprezzati dal pubblico.

Ci sono dischi che durano un’estate, altri una vita intera. E per quanto “The Bomb” non sia ancora così anziano, 25 anni non sono per nulla pochi nel mondo della musica elettronica, contraddistinto da frenesia e rapidi cambiamenti.

Rilasciato nel 1995 su Positiva records da parte di Kenny “Dope” Gonzales, pioniere dell’house music e altra metà del duo newyorkese Masters at Work assieme a Little Louie Vega, The Bomb è un discone da 14 minuti tipicamente classic-house e con un groove funky.

La tonalità jazz e il vocal che accompagna costantemente tutta la traccia sono diventati ormai il must del disco, addirittura da tanti conosciuto come “these sounds fall into my mind”.

Kenny dope presents The Bucketheads- The Bomb (these sounds fall into my mind)

Ciò che sorprende della canzone non è solamente in quanti lo abbiano suonato nel corso degli anni, ma il fatto che ancora oggi sia mixato da tanti. Ricordiamo bene il nostro connazionale Joseph Capriati proporle varie volte- sempre fedele alle sue origini house, così come Carl Cox la scorsa estate in Sicilia (minuto 3.36 nel video a seguire).

Carl Cox Plays Kenny Dope presents The Bucketheads – “The Bomb” (these sounds fall into my mind).

Per chi volesse approfondire molto meglio il contesto house dell’epoca, vi rimandiamo a questo articolo pubblicato da Parkett nel “lontano” 2016, in cui troverete una selezione di trenta tracce house che hanno fatto la storia, tra cui appunto il capolavoro di Kenny Dope pres. The Bucketheads. Un viaggio in un passato in fin dei conti attuale.