87 + = ninety two

La star coreana Peggy Gou ha reso noto che entro la fine di quest’anno lancerà una sua etichetta.

In un intervista a i-D l’eclettica dj e producer asiatica ha parlato di sè stessa a 360 gradi, del suo rapporto con i fan e dei suoi prossimi progetti. Oltre al lancio di una sua nuova linea di moda, prevista per l’anno prossimo, Peggy Gou  ha rivelato i piani per fondare e presentare la propria label musicale entro la fine del 2018.

Peggy Gould, questo il suo nome completo, ha iniziato ad avvicinarsi al mondo della musica e a comporre i primi dischi mentre studiava al London College of Fashion, ma solo dal momento in cui si é trasferita a Berlino, nel 2014, questo è diventato il suo progetto di vita. Da quel momento è cominciata la sua ascesa nel mondo del clubbing.

Nel 2016 Gou rese noto in un’intervista che la decisione di diventare una DJ fu presa con un obiettivo importante: essere la più giovane e la prima donna coreana a suonare al Berghain; entro la fine di quell’anno aveva già raggiunto l’obiettivo, insieme alla pubblicazione di quattro EP.

Arrivata a questo punto il prossimo passo di Peggy Gou sarà , come preannunciato, quello di lanciare una propria label entro la fine del 2018, una vera e propria impronta musicale che prenderà il nome di “Gudu“, che tradotto direttamente dal coreano significa “scarpe”. Questo nome ha una doppia valenza significativa: quella di riferirsi all’usanza dei fans di Peggy di ballare con le scarpe infilate nelle mani durante i suoi set , e quello di avere un assonanza in inglese al “Gou do” cioè “Peggy Gou fa“.

Determinata ad essere la “padrona” di se stessa, Peggy Gou è sicura che la sua prossima etichetta musicale sarà un successo

“All’inizio volevo avere solo la mia musica all’interno della label, ma ora penso che alla gente farebbe piacere sapere che tipo di artisti supporto”

Peggy dichiara di voler sostenere con la sua etichetta artisti asiatici e dare loro l’opportunità di suonare al di fuori del proprio paese, ma allo stesso tempo è anche aperta a tutti gli artisti di qualsiasi genere

La musica è musica, quindi se mi piace, sei ingaggiato“.