− two = 3

Ogni tanto uno sguardo al passato bisogna pur darlo; esso serve ad osservare bene le cose brutte per migliorarle e le cose belle per ricordarle.

Qui ci troviamo nella seconda categoria, quella delle cose belle.

Era il 12 Dicembre e il Brancaleone, grazie a Container Project, ospitava gli artisti Token che hanno inciso l’album Aphelion: Inigo Kennedy (che purtroppo non si è palesato a causa del maltempo che gli ha impedito la partenza dall’Inghilterra), Ø [Phase]Kr!Z.

A spalleggiarli ci sono stati l’ottimo, ma ottimo, Giulio Maresca ed il massiccio, ma massiccio, Pneich.

Token è un’etichetta che ad oggi è sul podio per qualità e coerenza musicale. Le produzioni dei suoi adepti rispondono esattamente a ciò che l’underground tacitamente impone: un sound scuro per un’atmosfera tetra, ma ottima compagna di viaggio, che non tralascia la ballabilità del pezzo, anzi, la sprona su ritmi e cadenze ossessive.

Ma guardiamo ciò che i nostri obbiettivi hanno misticamente ripreso quella notte fatta di techno e oscurità.