+ 61 = sixty five

Quanto basta poco per star bene. Anche se l’estate non è stata dalla nostra parte e non è esplosa col calore che ci aspettavamo, abbiamo saputo sfruttare le poche occasioni concesse per respirarne l’atmosfera. Ed il Make Some Noize l’atmosfera l’ha saputa creare.

Svoltosi in spiaggia, abbiamo potuto godere della sabbia sotto i piedi, della musica al tramonto, della brezza estiva della sera e di una line up micidiale.

Apre le danze il giovane e bravo Carlo Ciferni per passare poi la consolle all’austriaco Niereich che ha fatto subito capire cosa Techno dalle sue parti voglia significare.

Il testimone è passato nelle mani della bavarese Klaudia Gawlas, vera e propria regina della serata, che ha saputo regalare emozioni vere con suo suono duro e con la sua estrosità (ad un certo punto è anche salita sul desk della consolle a ballare).

Passato il tramonto scendono le tenebre, è il turno dell’uomo del momento, di colui che ha avuto l’onore (grazie alle sue doti ed ai suoi studi musicali) di improvvisare una jam live con The Wizard Jeff Mills: Raffaele Attanasio. Il suo set è stato un vero e proprio viaggio, le menti del pubblico sono state catturate, sequestrate, portate su Marte e riportate in spiaggia quando ha finito di suonare.

Chiudono i due capisaldi della Techno targata Napoli: Luigi Madonna e Markantonio, i quali hanno sfinito il pubblico che non si è fermato un sol momento per riposarsi.

Ecco qualche minuto di ciò che è successo domenica 27 Luglio al Make Some Noize.