sixty eight − sixty four =

Una grande festa a cavallo del capodanno con il Triskell Electronic Festival, un party lungo tre giornate al Circolo degli Illuminati di Roma.

A Roma il Circolo degli Illuminati festeggia la fine del 2016 e l’inizio dell’anno nuovo con il Triskell Electronic Festival, tre giornate dal 30 dicembre all’1 gennaio in compagnia di una grande proposta di musica elettronica internazionale.

Il nome della manifestazione è particolarmente interessante, e attinge da uno dei simboli più antichi e della cultura antica: Triskell è il simbolo celtico (ma presente in varie culture, tra cui sotto forma di Triscele siciliana) che rappresenta “tre raggi di luce”, attraverso i quali le forze cosmiche si ricongiungono con l’uomo.

Triskell Electronic Festival celebra così le radici musicali del Circolo degli Illuminati, il quale presenterà in queste tre giornate un’accurata selezione di alcuni dei migliori artisti proposti in questi ultimi anni di attività.

Il primo giorno vedrà le esibizioni della stella iraniana Aril Brikha con le sue vivaci contaminazioni tra house e techno; un altro ospite di punta è Adrian Niculae, a.k.a. Priku, uno degli esponenti del nuovo rinascimento dell’elettronica rumena, partito dal festival Sunwaves e attraverso i più grandi club del mondo è giunto fino alla Cocoon di Sven Vath; e poi l’americano Stacey Pullen, proveniente dalla seconda ondata della techno di Detroit e che proporrà un set vecchia maniera armato di vinili; il duo Howl Ensemble formato da Verrina e Ventura, fondatori della label Howl Records apprezzata da titani come Ricardo Villalobos; il back to back di 4 ore di Cabanne e Lowris, resident DJs del Concrete di Parigi; il live set di Dandy Jack, producer cileno attualmente residente in Germania, autore di una techno contaminata di ritmiche latine che lo hanno portato a collaborare con artisti del calibro di Villalobos, Sonja Moonear e Luciano; e infine il talento italiano Leon, fresco di esibizioni in club come Cocoricò, Arma17 e Ministry of Sound.

Non mancheranno inoltre artisti che comprendono nuove promesse dell’elettronica italiana: Alex Dima, DJ resident dell’Outcast Club e presente anche nelle recenti line-up del Movement Croazia e del Kappa FuturFestival; la vibrante house di Ceparu e il resident di Minù Demi James; la live performance di Swoosh; e poi Alberto?, Sawe, Genny Effe, Luca Bortolo e Rohbèn. Insieme accompagneranno il festival fino alle prime luci dell’alba del nuovo anno.

triskell electronic festival

Artwork by: Luca Zamoc e Grabriele Manecchi



Tutti gli artisti in cartellone sono DJ di esperienza che sapranno offrire selezioni che spazieranno dalla house all’electro fino ad approdare ai territori più spediti della techno, pur in un’interpretazione più smooth del genere. 
Ci si troverà quindi di fronte ad un panorama eterogeneo dove molte correnti musicali si incroceranno miscelandosi armoniosamente. Non a caso come figura rappresentativa per le grafiche di questo festival è stato scelto Proteus, una delle prime divinità marine della mitologia Grecia dotata del potere di mutare forma a piacimento, proprio come l’acqua, ma soprattutto come la musica del Triskell Electronic Festival.

Il party comincerà alle 23:30 del 30 dicembre, per terminare alle 10 del mattino del primo gennaio.

E’ possibile acquistare online i biglietti via Resident Advisor: 35€ per il pass di tutti e tre i giorni o 20€ per la sola notte del 31 dicembre. Oppure sarà possibile trovarli al botteghino a 10€ per il 30 dicembre, 25€ per il 31 dicembre e 15€ per il primo di gennaio.