twenty four − = twenty

Al Berghain apre il Säule, un nuovo piano adibito a dancefloor sottostante all’attuale sala principale. Ospiterà il lato più oscuro della musica elettronica.

È proprio di oggi l’annuncio dell’apertura del Säule, nome che in tedesco significa “colonna”, “pilastro”. Stiamo parlando di uno dei club più amati d’Europa, il Berghain, che a partire da fine marzo avrà un’area in più per ballare ed ascoltare musica.

Finora gli spazi adibiti a dancefloor sono sempre stati la sala principale del Berghain e il Panorama Bar, quest’ultima un’appendice per party spesso e volentieri dalle sonorità più morbide e punto nevralgico della componente gay-friendly che da sempre è parte integrante della storica ex-fabbrica. Inoltre, il Berghain possiede in realtà altre aree aggiuntive quali la Kantine e la Halle, ma sono per lo più utilizzate per altri tipi di performance come concerti e installazioni.

Per cui, con il Säule nascerà un terzo spazio dancefloor al piano terra, quindi sottostante al piano principale che attualmente è il cuore pulsante del Berghain.

Stando a ciò che si sa finora, questa nuova area asseconda proprio la tendenza attuale in cui il mondo del clubbing si tinge di nero. Nel senso che si tratta di un’area particolarmente buia, dai soffitti molto alti e caratterizzata dalla presenza di numerose colonne, che danno infatti il nome a questo nuovo spazio. Il Säule ospiterà infatti gli eventi più dark e sperimentali nel mondo della musica elettronica attuale.

Per la precisione, sarà ufficialmente aperto per la prima volta in occasione di una festa che si terrà il 23 e il 24 marzo, e siamo contenti di sapere che è italiano il nome con cui partirà l’innaugurazione: Alessandro Adriani, boss della Mannequin Records. Sarà affiancato da Deena AbdelwahedNatalia Escobar in console. Nell’area principale del Berghain invece avremo i set di Dis Fig, Illum Sphere e Laura Clock. In quest’occasione il Panorama Bar “salterà un turno” e sarà chiuso, ma solo per questa occasione.

Per essere aggiornati sulla futura programmazione del Säule, si può sempre consultare il sito web.