+ forty = 42

Oggi presentiamo in anteprima assoluta un brano di Crystal Geometry, estratto da Sonic Textures 03, la prossima uscita di Syncretism Records.

Di realtà discografiche italiane che poi migrano all’estero, soprattutto a Berlino, ne è veramente piena la scena. Poche però riescono realmente a fare la differenza, ed una di queste è sicuramente Syncretism Records.

Il progetto discografico nasce in Italia, per poi trasferirsi a Berlino, città in cui il team di Syncretism Records è impegnato anche a promuovere eventi di musica techno presso ://about blank.

È prevista per il prossimo 24 maggio, l’uscita del terzo capitolo di “Sonic Texture”, la serie che accende i riflettori sugli artisti più all’avanguardia della scena techno contemporanea. Infatti, in questo terzo capitolo troviamo nomi del calibro di Crystal GeometryRyuji Takeuchi e Hypnoskull. Solo per citarne alcuni.

Sonic Texture 03

Tracklist

01. Sine Metu – Y

02. Hybral – Code Of Conduct

03. Crystal Geometry – Hide & Seek

04. Hypnoskull – For Sure

05. Ryuji Takeuchi – Freedom In The Cage

06. Aja – Bathrooms With Threatening Auras

“Sonic Texture 03” è una raccolta di sei tracce dal sound rude e diretto tipico della musica techno più oscura e decisa.

Riportandoci per mano nei meandri più oscuri dell’industrial techno, genere che da qualche anno sembrava allontanarsi sempre di più dalle tendenze, dopo un boom mediatico durato quasi un decennio.

Il primo brano è a cura dei Sine Metu, resident del progetto Syncretism, che hanno dato vita ad una traccia dalla cassa sporca e suoni cupi e distorti. Difatti “Y” è una traccia che riesce a teletrasportare l’ascoltatore nelle gelide atmosfere berlinesi, anche durante una notte di piena estate.

Code Of Conduct” è il secondo brano della compilation a cura degli Hybral. Anche in questo caso sono presenti atmosfere cupe ed introverse, con la differenza che questa traccia ricorda vagamente la discesa che Alice ha compiuto nella tana del Bianconiglio.

Con la differenza però, che se tocchiamo il fondo non verremo accolti da creature creature animate, bensì groove costanti e bass-driven saranno pronti ad attenderci.

La terza traccia del Various Artist è a cura di Crystal Geometry, il produttore francese che negli ultimi anni ha catturato l’attenzione dell’intera scena elettronica, grazie al suo sound criptico e tenace che sfoggia sia nelle produzioni che nelle sue performance.

“Hide & Seek” è una traccia da ballare, ascoltare e cantare, grazie alla presenza di un vocal distopico ma allo stesso tempo molto orecchiabile.

A nostro avviso, la traccia possiede tutti i criteri per diventare una vera e propria HIT EBM. Proprio per questo motivo abbiamo deciso di farvela ascoltare in anteprima assoluta sul nostro canale SoundCloud.

Il prossimo brano della compilation è a cura di un mostro sacro dell’industrial techno: Hypnoskull.

“For Sure” è un prodotto ipnotico, oscuro e composto da un vocal grezzo che quasi incute disagio e malinconia all’ascolto. Ma siamo sicuri che un brano del genere sotto cassa in un amatissimo club, farebbe tutt’altro effetto. Dopotutto, attendiamo il ritorno in pista proprio per lasciarci andare alla parte più oscura di noi stessi.

“Freedom In The Cage” è la quarta traccia realizzata da un’altra figura mistica della techno e dell’hardtechno internazionale: Ryuji Takeuchi.

Per questa traccia il produttore ha scelto una linea artistica leggermente più vibrante e positiva, con ritmiche che rievocano i sentieri punk più contorti. Con il supporto di chitarre stratificate accanto a ritmiche propulsive, “Freedom In the Cage” vi farà ballare in qualsiasi modo e situazione.

A chiusura dell’EP troviamo Bathrooms With Threatening Auras” di Aja. Una traccia perfetta per chiudere in bellezza un EP così tenace e ricercato. L’ultimo brano infatti si distoglie dalle linee artistiche precedenti un po’ cupe e distorte.

Aja ha preferito focalizzare l’attenzione su un brano composto da synth iperpop e strutture musicali sempre mutevoli.

Se volete maggiori informazioni su Sonic Texture 03 vi invitiamo a dare un’occhiata anche alla pagina bandcamp della label.