84 + = eighty six

Fabric e la English National Opera hanno unito le forze per portare per la prima volta la musica elettronica al London Coliseum.

 

Fabric At The Opera si svolgerà mercoledì 9 marzo dalle 19:00 alle 23:00. Sono quattro le esibizioni dal vivo provenienti da tutto lo spettro della musica elettronica: Frank Wiedemann (metà degli Âme), Rival Consoles e Josh Caffe, resident del fabric. LCY debutterà con il suo spettacolo dal vivo.

“Siamo molto entusiasti di poter mostrare uno spettacolo così importante al London Coliseum”, ha detto il direttore creativo di Fabric Jorge Nieto. “È un’opportunità per esplorare oltre la nostra casa in Charterhouse Street e far posto ad altre espressioni artistiche. Tutti questi  spazi meravigliosi e istituzioni che eleveranno la musica elettronica come una vera forma d’arte”.

Lo spettacolo fonderà gli artisti del tessuto con la storia e l’eredità dell’Opera nazionale inglese. Prima apertura nel 1904, il London Coliseum è stato a lungo inserito nella storia musicale della capitale. Ora è la sede di una moltitudine di mezzi e spettacoli. Fabric nasce 95 anni dopo e da allora è diventato rinomato come hub per la musica elettronica moderna.

È uno dei più grandi e meglio equipaggiati teatri londinesi, progettato dall’architetto teatrale Frank Matcham . La sua più grande ambizione era quella  costruire il più ampio e raffinato palazzo dedicato all’intrattenimento del pubblico e volevano renderlo il più ammirabile dell’epoca.

Durante questi due anni di chiusura per la pandemia, Jorge Nieto ha lavorato perennemente aspettando la ripartenza delle serate. Con il locale chiuso, il direttore artistico ne ha approfittato per un restyling della discoteca appoggiandosi all’architetto italiano Giorgio Badalacchi.

Sono davvero positivo e ottimista riguardo a cosa può portare e dove andrà a finire. Per una città come la nostra, alcuni dei periodi migliori a cui posso ripensare sono quelli in cui avevamo il maggior numero di club in Inghilterra. Non siamo l’unico locale in città, in realtà c’è una collezione così ampia e diversificata di locali che ha reso questa una vera città globale in cui uscire.

Penso che ci sia davvero una grande opportunità per noi stessi di inizia a vedere spuntare nuovi locali di piccole e medie dimensioni, che completeranno il modo in cui le persone escono e il desiderio delle persone di andare in luoghi diversi e vedere cose diverse. Penso che ci siano tutte le opportunità dall’altra parte di questo, affinché le cose si allontanino dai siti più tradizionali. Inizieremo a vedere apparire alcune cose davvero giovani, nuove e fresche.