51 − forty nine =

Lo storico club inglese Fabric è pronto per ripartire: il 25 Giugno riaprirà le porte.

Il Fabric, storico club inaugurato nel 1999 al 77A di Charterhouse Street, negli ex magazzini Metropolitan Cold Stores, ha annunciato con un post Facebook che terrà un evento di 42 ore a partire dal giorno 25 del mese di Giugno.

Sulla pagina Facebook del club possiamo infatti leggere: “Mentre il mondo si sblocca dalle restrizioni Covid, non vediamo l’ora di accogliere artisti e clubber all’EC1. Il 25 giugno apriremo le nostre porte iniziando con un weekend di 42 ore di musica proposta da giovani talenti inglesi e storici resident; mescolando house, techno, D&B e altro ancora”. Continua il post: “Stiamo anche annunciando una serie di eventi a luglio come parte integrante della nostra riapertura. Anche se siamo entusiasti di riaprire, ciò dipenderà dalla nostra fiducia nel poterlo fare in sicurezza secondo i protocolli Covid approvati dal governo; lo faremo solo se possiamo essere sicuri di poter vivere la migliore esperienza possibile. Proteggiti, ci vediamo sulla pista da ballo”. Clicca qui per leggere il post ufficiale.

Il Fabric di Londra, è uno dei locali simbolo della vita notturna inglese; ha ospitato i deejay più famosi della scena mondiale: Fatboy Slim, Chemical Brothers, Paul Kalkbrenner, Groove Armada, Seth Troxler, Marcel Dettmann, Ricardo Villalobos, Raresh e tanti altri.  È stato recensito dalla Dj Magazine’s “Top 100 Clubs list” nel 2009 e nel 2010. Il club londinese è formato da tre sale separate con impianti audio indipendenti tra loro; particolare però la caratteristica delle pavimentazioni vibranti della Sala 1: conosciuta come il “bodysonic” dancefloor, alcune sezioni della pavimentazione tremano infatti riproducendo le frequenze più basse della musica suonata.

A causa di due episodi avvenuti tra il 25 giugno al 6 agosto 2016, quando due 18enni sono morti dopo aver acquistato e assunto MDMA e altre droghe all’interno del Fabric, la licenza del club fu revocata. La vicenda scosse il mondo intero, e dopo l’attuazione di un fundraising, al quale parteciparono numerosi dj internazionali, il club riuscì a riaprire le porte poco dopo: Sabato 8 gennaio 2017 il Fabric era pronto a ripartire. La nuova gestione ha affermato che non tollererà nessun tipo di droga all’interno del locale e che denuncerà alla polizia londinese chiunque venga trovato in possesso di qualsiasi sostanza considerata illegale, oltre che bandirlo dal club.

I biglietti saranno acquistabili a partire da domani alle 17:00 cliccando qui.