nine + 1 =

La Frankie Fest sarà patrocinata dalla Frankie Knuckles Foundation ed avrà lo scopo di raccogliere fondi grazie alle performance di grandi nomi della musica house.

Come ogni anno, l’ingresso nella stagione autunnale è scandito dall’Amsterdam Dance Event (ADE), il festival e conferenza che si pone come il punto di riferimento per il clubbing europeo ed internazionale. Il festival avrà luogo dal 16 al 20 ottobre prossimi e come ogni anno sarà ricco di party, workshop, conferenze ed eventi a ogni ora del giorno e della notte. In mezzo a questi estremi c’è una data che, per chi avrà la fortuna di parteciparvi, merita di essere segnata in agenda: il 19 ottobre.

No, non è nessun compleanno o anniversario in particolare ma rappresenta un grande inizio: la Frankie Fest, evento patrocinato dalla Frankie Knuckles Foundation, guidata da grandi nomi (ed amici) del compianto padrino della musica house, scomparso nel 2014 a seguito di complicazioni dovute al diabete.

E’ ben noto che l’eredità artistica lasciata da Frankie è stata enorme: il DJ e produttore statunitense è ricordato per le sue tracce storiche quali “The Whistle Song”, “Baby Wants To Ride”, “Your Love” da un lato, ma anche per la sua figura e funzione nella cultura musicale degli anni ’80 e ’90, essendo stato in grado di riunire sotto un unico tetto, quello della house music, generazioni diverse, estrazioni culturali e sociali diverse.

L’eredità e l’impegno verso i problemi sociali che hanno afflitto gli Stati Uniti, ed in particolare Chicago, sono confluiti nelle figure di Erik Kupper e Kenny Summit, che hanno deciso di fondare l’organizzazione no profit con lo scopo di supportare attività culturali e musicali nelle scuole e la ricerca sul diabete.

L’appuntamento dell’ADE sarà l’inaugurazione di una serie di eventi che la fondazione organizzerà su scala globale e vedrà alternarsi ai deck Kupper e Summit, ma anche DJ Sneak, François K e Mousse T.

L’evento successivo è programmato per il prossimo novembre a San Francisco.