eighty five + = eighty eight

Prima di Itunes, prima di Spotify, la generazione di cui faccio parte ascoltava musica comprando i cd. Ma l’adolescenza è un’età povera e in soccorso ai giovani appassionati di musica arrivò un ragazzo di nome Sean Parker, che rese fruibile e gratuita la musica.

Tutto molto bello, tranne per un paio di cose: se la connessione cadeva, le tracce scaricate restavano a metà e il tutto era abbastanza illegale; per la violazione dei copyright.

Fu solo l’inizio di quello che oggi, a torto o ragione, è il nuovo modo di concepire l’industria musicale.

L’ex servizio di condivisione di file peer-to-peer è risorto come una piattaforma di streaming.

Napster ha scelto il Canada per rilanciare un servizio di streaming musicale su abbonamento. Gli utenti canadesi possono acquistare online in streaming e l’accesso riproduzione offline per circa 35 milioni di canzoni per 9,99 dollari canadesi (US $ 7.65), al mese. Per un tempo limitato, è possibile iscriversi e ottenere il valore dell’accesso dei primi tre mesi per $ 1.

Era importante per noi entrare in Canada, con un’esperienza musicale personalizzata che ha un catalogo completo di artisti locali, nazionali e internazionali“, ha detto Napster CFO Ethan Rudin in un comunicato.

Napster fu costretto a chiudere a seguito delle pressioni da RIAA e altri nel 2001, dopo essere nuovamente bollato come un rivenditore digitale su abbonamento. E ‘stato acquistato da Rhapsody nel 2011,  quest’ultima ha assorbito Napster nel proprio business esistente. La piattaforma ha posto in sospeso fino ad ora, con il nuovo servizio Napster attualmente disponibile in Canada su iOS, Android, Windows Phone, Web, Sonos e piattaforme Chromecast.

Alessandra Pompa