Questa settimana abbiamo il piacere e l’onore di avere ospite un personaggio che è parte integrante della storia musicale alla quale noi facciamo riferimento. Nativo di Amsterdam ma dalle sonorità Detroitiane, ecco a voi Steve Rachmad.

Sin dalle tue prime produzioni, ti sei creato una legione di moniker per le tue composizioni. Abbiamo sentito tue tracce come Black Scorpion, Tons of Tones, Rachmad Project, Scorp, Parallel 9, Ignacio, Dreg, Sterac. Puoi definire la struttura e le differenze tra i tuoi alias?

STE: Le etichette del passato richiedevano artisti che pubblicassero la loro musica esclusivamente sulla loro etichetta, ed io non volevo avere questa limitazione. La creazione di tutti i diversi alias e il collegarli ai miei diversi stili di produzione era quindi una necessità. In termini di stili musicali, questo è stato un processo organico dal momento in cui ho iniziato a produrre musica. Ho avuto molte fonti di ispirazione, che vanno dal funk alla disco degli anni ’80, a tutti i tipi di materiale del momento, (deep) house, e naturalmente, i primi dischi techno. Quando ho sentito una connessione con tutti questi generi, ciò mi ha portato a  fare molti diversi brani in studio. Per ottenere tutto questo ho dovuto creare diversi alias. Uno dei più noti alias è STERAC. Ho creato una vita lunga a questo alias (compreso il mio primo album), ma ogni volta che mi sono imbattuto in un nuovo sound per me stesso, ho pensato ad un altro nome. Parallel 9 è ad esempio noto per la mia maggiore potenza Dubby; Sterac Electronics è orientato per le tracce più electro e disco anni ’80.

La fusione tra Steve e Rachmad è chiaramente STERAC. E’ la tua parte più profonda? Puoi dirci di più al riguardo?

STE: Si potrebbe dire che STERAC rappresenta il mio lato più Detroit. E’ inoltre il mio nome di nascita, che uso per suonare e produrre qualsiasi cosa, uno dei miei più cari alias. Non so se è la mia parte più profonda anche quando tendo ad andare in profondità con altri progetti, ma è sicuramente la parte di me che ho esplorato meglio. Affascinato com’ero (e lo sono ancora) da quei suoni Detroit originali, ho usato STERAC per creare la mia versione e per tenere il fuoco ardente fino ad oggi. Non era un progetto temporaneo, ma un alter ego che sentivo come una seconda natura. E’ una di quelle cose che mai lasceresti andare via, STERAC è parte di me e sempre rappresenterà il lato più profondo della techno.

La discografia di Sterac composta di tracce classiche la vediamo su label quali M-Plant e Tresor, e la riedizione nel 2012 del leggendario album Secret Life Of Machines datato 1995. Quali sono i piani futuri per lui?

STE: Dato che il calendario delle mie serate è ancora pieno e sembra sempre più folle e pazzo, è difficile pensare a qualcosa di più grande del fare alcuni remix ed EP qua e là. Così nei mesi a venire, ci si può aspettare la mia pubblicazione su Mote Evolver (etichetta di Luke Slater), oltre al remix per Rebekah su CLR, per Heiko Lauxon Kanzleramt e Maarten Mittendorf e Jasper Wolf su Indigo Aera. Nel frattempo sto lavorato anche su del materiale originale e mentre mi sono recentemente imbattuto in alcuni di questi materiali inediti, ora sto lentamente suonando con l’idea di mettere insieme queste tracce in un album. Non è finito, ma sembra che ci sia qualcosa in un prossimo futuro – vi terrò aggiornati su questo 🙂

Ti troveremo al Time Warp Mannheim il 5 Aprile al fianco dei più grani artisti house e techno del pianeta. Che cosa significa questo evento per te?

STE: Prima di tutto, è un grande onore per me suonare al Time Warp. Ho già suonato diverse volte all’evento Dutch che ci fa sentire come una festa techno dovrebbe essere. Da un lato hanno creato un senso di vibrazioni techno oldskool, proprio come i rave del passato, ma lo fanno con sorprendenti giochi di luce e immagini. In Germania hanno fatto questo per 20 anni, così si potrebbe dire che è parte integrante della storia della techno. Ma mentre trasferiscono questi sentimenti classici, l’amore per la musica, oggi lo fanno con un approccio del 21° secolo. E’ semplicemente il posto dove stare se si vuole entrare nel mondo techno, e non vedo l’ora di suonare a Mannheim quest’anno. Sarà la prima volta che suonerò lì!

Ti destreggi con gran disinvoltura tra i generi, suonando ciò che intercorre tra house e techno. Ma come descriveresti il tuo suono?

STE: Come ho detto, la Detroit techno è parte integrante di me. Ma non sarebbe completa senza anche l’aggiunta del funk, disco, wave e la musica house. Questo rende difficile descrivermi con un suono particolare. E non penso che ho bisogno di farlo, visto che la scena musicale è molto aperta in questi giorni, si può suonare qualsiasi cosa. Quando suono sotto il mio nome di nascita sento questa libertà maggiormente, di solito finisco nel suonare deep e tech house, alcune melodie, pezzi dubby techno. Credo che l’unica cosa che unisce la maggior parte della mia musica è la melodia. Anche il mio amore per la techno è iniziato con le registrazioni filanti e melodiche Detroit. Di sicuro mi piace immergermi un po’ più in profondità nella roba ritmica ora, ma anche in quel momento ha bisogno di essere musicalmente stimolante.

C’è una specie di filosofia di vita dietro al tuo lavoro?

STE: Non esattamente, solo che non mi piace troppo la follia che mi circonda. Sono abbastanza aperto a un sacco di cose, ma sono ancora una persona con i piedi per terra, così mi piace considerare tutto nella mia vita in maniera chiara e rilassata. Sono semplicemente più felice nel fare musica nel mio studio, o stare con gli amici, godendomi una buona cena. Forse quest’aspetto si ritrova nella mia musica, non essendo troppo complicata, ma ininterrotta e (spero) con strumenti affidabili di dj. Non so se si può chiamare questo stato di rilassatezza una filosofia, ma sicuramente è una qualcosa che mi definisce;)

Hai una serie di eventi al famoso Studio80 di Amsterdam. Puoi spiegarci l’idea che c’è dietro le notti “kis” e il concetto di questo programma?

STE: Segue il mio pensiero nel restare chiaro sulle cose della vita. Non troppo chiasso, regole o qualsiasi preconcetto, solo ‘fare cose semplici’ e saper godere di una serata fuori con gli amici. Ho avuto l’onore di incontrare un sacco di DJ nel corso degli anni, alcuni di loro sono diventati cari amici. E’ bello essere in grado di invitarli per un party senza problemi, dove gli viene data carta bianca sul palco. E’ già successo in serate speciali con Ricardo Villalobos, Cassy, ​​Josh Wink e Cobblestone Jazz, per citarne alcuni. Il prossimo kis. ci sarà il 25 aprile tra l’altro! E Studio 80 è perfetto per questo, un vero e proprio club intimo dove si ha la sensazione di essere in un salotto con gli amici. Quindi sì, si potrebbe dire Kis. è un’estensione di quello che io sto per fare.

Qual’è il futuro di Steve Rachmad?

STE: Beh, naturalmente non vedo l’ora di prepararmi per Time Warp. Tra l’altro, sto facendo tappe come il Movement Festival a Detroit, La Nuit Rouge e Family Piknik in Francia, Circo Loco @ Makuhari Beach Festival in Giappone e in alcuni festival olandesi come Welcome to the Future, Mystery Land, DGTL e Free Your Mind. Farò anche alcuni spettacoli al DC 10 di Ibiza questa estate, suono per Carl Cox allo Space Ibiza, Melt! Festival in Germania ed ho anche una data al Sonar. Quasi un anno, se si include anche tutto il tempo in studio che ho in programma per me, ma di sicuro mi voglio divertire ogni minuto!

English Version

Since your earliest productions, you have created a legion of monikers for your compositions. We’ve seen tracks from Black Scorpion, Tons of Tones, Rachmad Project, Scorp, Parallel 9, Ignacio, Dreg, Sterac. Can you explain the architecture and differences between your aliases?

STE: Labels back in the day required artists to release their music exclusively on their label, and I didn’t want to be limited by this. Creating all the different aliases and attaching them to my different styles of production was hence a necessity. In terms of music styles, this has been an organic process from the moment I started producing music. I’ve had many sources of inspiration, ranging from 80s funk and disco to all kinds of wave stuff, (deep) house and of course the first techno records that came out. As I felt a connection with all of these genres, this also resulted in me making lots of different tunes in the studio. To get all of these out I had to create different aliases. One of the best known aliases is STERAC. I created a longlasting life for this one (including my first album release) but every time I stumbled upon a new sound for myself, I thought up another name to get this into the world. Parallel 9 is for example known for my more dubby output; Sterac Electronics for the more electro and 80’s disco oriented tracks.

The fusion between Steve and Rachmad is clearly STERAC. Is he your deepest part? Can you tell us something about him?

STE: STERAC represents my Detroit persona, you could say. It’s besides my birth name, which I use to play and produce just about anything, one of my most dearest aliases. I don’t know if it’s my deepest part, as I tend to go deep with other projects too, but it’s definitely the part of me I’ve explored the most extensive. Fascinated as I was (and still am) about those original Detroit sounds, I used STERAC to create my own version of it and keep the fire burning until this day. It wasn’t a temporary project, but an alter ego that felt like second nature. It’s one of those things you’ll never let go, STERAC is part of me and will always represent the deeper side of techno.

STERAC’s discography consists of classic tracks on labels such as M-Plant and Tresor, and the reissue of 2012’s legendary 1995 album Secret Life Of Machines. What are the future plans for him?

STE: As my gig schedule is still filled up and looking crazier and crazier, it’s difficult to think of anything larger than doing some remixes and EPs here and there. So in the months to come, you can expect my Mote Evolver (Luke Slater’s label) release, as well as remixes for Rebekah on CLR, for Heiko Lauxon Kanzleramt and Maarten Mittendorf and Jasper Wolf on Indigo Aera. Meanwhile I have been working on original material too and as I recently came across some of this unreleased (but finished) material, I am now slowly playing with the idea of putting these tracks together on an album. It’s not finished by far, but it looks like there’s something coming in the near future – I’ll keep you posted on this 🙂

We feel that nowadays electronic music seems to be very popular. How has the perception of electronic music, especially with the advent of EDM changed? How do you handle this changes?

STE: I don’t think about it too much. There’s always been a mainstream side to dance music, even in the early days. You could say it’s a shame the mass audience thinks of DJs like pop stars you have to stare at as if you were at a concert, and dance music to them is a collection of breakdowns and climaxes. The groove has left this particular ‘EDM’ and the crowd wants everything short and fast, brought with enormous visual effects. You can also realize these crowds would otherwise perhaps had never discovered electronic music. Maybe when they travel a bit further down the road they’ll discover techno or house music, it wasn’t for nothing…So, the popularity of electronic music helps the underground, while musically the mainstream feeds on what happens underground –in the end we’re all the same family.

On the producing side. Do you have any new projects or releases in the pipeline?

STE: Like I said, I’m planning something of an album in the not too distant future. I already wanted to start focusing on my own productions some more, that’s for sure. I’ve been doing a lot of remix work recently (a.o remixes for Rebekah on CLR, Indigo Aera label, Christian Smith’s album on Tronic, Nitin on No 19 label by Art Department and Nitin, Blind Minded on Italoboyz label, Ilario Alicante on Cocoon, Yotam Avni on Ovum and Heiko Laux’s album on Kanzleramt). It was really fun to do, but also took some time of my own solo work. In May my STERAC EP is coming out on Luke Slater’s Mote Evolver, and from April on, I am focussing on finishing more EPs finally. So, expect new stuff soon!

You will perform at Time Warp Mannheim on 5th April among the biggest house and techno artists of this planet. What does the event mean to you?

STE: First of all, it’s a huge honour for me to play at Time Warp. I already played several times at the Dutch event and it feels like how a techno party is supposed to be. On one hand they’ve created a sense of oldskool techno vibes, just like the warehouse raves back in the day, but they do this with amazing light shows and visuals. In Germany they’ve been doing this for 20 years now, so you could say it’s an integral part of techno history. But while they transfer those classic feelings, the love for the music, to present day, they do this with a 21st century approach. It’s simply the place to be if you’re into techno, and I’m looking forward to playing in Mannheim this year. It will be my first time to play there!

You seem to float really well between genres, playing a mixture of house, techno, and everything in between. How do you describe your sound?

STE: Like I said, Detroit techno is an integral part of me. But I wouldn’t be complete without also adding funk, disco, wave and house music to the package. This makes it hard to describe myself with one particular sound. And I don’t think I need to, as the music scene is very open these days, you can play just about anything. When I DJ under my birth name I feel this freedom the most, I usually wind up playing deep and tech house, some melodic, dubby techno stuff.. I guess the one thing that combines most of my music is melody. Even my love for techno started with the stringy, melodic Detroit records. Of course I like to dive a bit deeper into rhythmic stuff now and then, but even then it needs to be musically challenging.

Is there something like a philosophy of life that is the basis for your work?

STE: Not exactly, except that I don’t like too much craziness surrounding me. I’m pretty open to a lot of stuff, but am still a down to earth person, so I like to keep everything in my life clear and relaxed. For me I’m most happy simply making music in my studio, or hanging with friends, enjoying a good diner. Perhaps this is also resembled in my music, being not too complicated, but steady and (I hope) dependable DJ tools. Don’t know if you can call this state of being laidback a philosophy, it definitely is something that defines me 😉

You have an event series at the famous Studio80 in Amsterdam. Can you explain your idea behind the “kis.” nights and your philosophy for the programme?

It follows my thought of staying clear on the things in life. Not too much fuss, rules or any preconception, just ‘keep it simple’ and enjoy a night out with friends. I’ve had the honour to meet a lot of DJs throughout the years, some of them became dear friends. It’s nice to be able to invite them for an uncomplicated party where they’re given a carte blanche on stage. It’s already resulted in special nights with Ricardo Villalobos, Cassy, Josh Wink and Cobblestone Jazz, to name a few. The next kis.will be on April 25th by the way! And Studio 80 is perfect for this, a real intimate club where you get the feeling of being in a living room with friends. So yeah, you could say kis. is an extension of what I stand for.

What’s next for Steve Rachmad?

STE: Well, of course I’m looking forward and preparing myself already for Time Warp. Besides that I’m doing gigs like Movement festival in Detroit, La Nuit Rouge and Family Piknik in France, Circo Loco @ MAKUHARI BEACH festival in Japan and some Dutch festivals like Welcome to the Future, Mystery Land, DGTL and Free Your Mind. I’ll also be doing quite some shows at DC 10 in Ibiza this summer, play for Carl Cox at Space Ibiza, Melt! Festival in Germany and also have a full Sonar schedule. Quite a year ahead of me, if you also include all the studio time I have scheduled for myself, but will enjoy every minute for sure!

No more articles