fifty seven − 47 =

KaumFly away parkett channel

REVIEWS: di Pier Paolo Iafrate

“Music is like sex. You always have to try new moves”. E’ così che il duetto vicentino, Elia Donadello e Michele Guazzo, da tutti conosciuti come KAUM, pensa la musica.

In effetti le loro produzioni sono così di vario tipo che è difficile catalogarli in un sol genere musicale. Di certo ciò che toccano, o producono, diventa una faccenda seria, tutti ottimi lavori; quasi dei piccoli Re Mida della musica. Artigiani del suono.

Hanno volteggiato su frequenze che vanno dalla techno all’house, dalla deep alla disco, sicuramente influenzati dalle sonorità che hanno assimilato nei loro viaggi, ascoltando musica da tutto il mondo.

Di seguito vi presentiamo il loro ultimo lavoro, il primo sulla loro nuova etichetta Sugar and Color: il singolo Fly Away.
Kaum qui sfrutta la collaborazione della voce stupenda di Tasha per una traccia disco piena di sonorità delicate e morbidissime. Il vocal è così soft e trascinante che alla prima battuta, “stay with meeee” le labbra si uniscono e si tendono quasi ad aspettare un bacio romantico dalla bella cantante(sono malato lo so).

Fly Away è uscita anche in versione radio edit, più breve naturalmente dell’extended version (quasi 4 minuti la prima e 7 la seconda), ed ha un’apertura priva di basso, quasi minimale,mentre nella versione estesa c’è. Per il resto le due versioni sono più o meno identiche.
Di certo questo singolo non verrà suonato nei club più underground, ma siamo sicuri che avrà un grandissimo seguito.

Pier Paolo Iafrate