89 + = ninety two

Kevin Maurice Saunderson torna a vestire i panni del suo moniker old school, che non usava dal lontano 1998: E-Dancer.
Nel corso della sua fenomenale carriera, appellato come uno dei padri fondatori della techno, Kevin Saunderson si è servito di vari pseudonimi come ad esempio: Esseray, Inner City, Kaos, Keynotes, Kreem, KS Experience, Reese, Reese & Santonio, Reese Project, Tronik House, The Elevator, ma di E-Dancer dice:” Di tutti i miei alias, quello di E-Dancer è a me il più caro, in quanto rappresenta il mio stile musicale preferito, Per me, non c’è niente di meglio della musica che suona dark, deep, soulful e groove, che ha quel basso potente ma rimane fedele a quel vibe underground. Quando creo questa musica e la sento riesco ancora ad immaginarmi al Paradise Garage, a percepire ciò che esce da quei folli altoparlanti. Per me questo sentimento, questa passione, questa fantasia è fondamentale per andare avanti”.

Ecco l’ultima creatura partorita da E-Dancer: Foundation.