− two = five

Homework prosegue anche questa settimana con tre appuntamenti di prestigio: Massimo Lippoli, Julien Sandre e DJ Slugo arrivano sulla pagina Facebook di Parkett.

Milano-Parigi-Chicago: è questo l’ideale viaggio musicale che ci fa fare Homework tra oggi e venerdì. Tre esponenti di tre diverse scene musicali, ognuno con il proprio stile personale frutto di carriere di livello, si susseguiranno nelle prossime ore in occasione della nostra serie di streaming in sostegno della Croce Rossa Italiana.

Parliamo di Massimo Lippoli, Julien Sandre e DJ Slugo. Il primo è una vera e propria leggenda delle consolle italiane; nato e cresciuto artisticamente nella sua Milano, inizia presto a girare i palchi più ambiti per quanto riguarda l’elettronica italiana, per poi diventare un nome di spicco a livello europeo. Vanta presenze nei migliori locali di Ibiza fin da inizio anni ’80 e diverse collaborazioni con un altro gigante dell’epoca come Andrea Gemolotto. Lo streaming del suo set è previsto per questa sera alle 21 QUI.

Mercoledì sera sarà il turno di Julien Sandre, DJ e produttore che vanta pubblicazioni su Infuse, l’etichetta di Fuse London, Rawax, These Days e sulla Poker Flat Recordings di Steve Bug. Le sue produzioni sono spesso suonate da artisti del calibro di Zip, Ricardo Villalobos, Raresh, Margaret Dygas e Dan Ghenacia, con i quali si trova spesso a dividere i dj booth. Inoltre, nel 2018 Julien fonda J Room label di cui è manager che ha già deliziato gli addetti ai lavori con la prima uscita firmata JALE.

Infine, venerdì alle 21 italiane si vola a Chicago con uno dei volti più illustri della città del vento per quanto riguarda la musica house: DJ Slugo. Thomas Kendricks, questo il suo vero nome, è senza alcun dubbio tra i pionieri e massimi esponenti della ghetto house, nonché produttore prolifico attivo dalla metà degli anni ’90 al fianco di colleghi quali DJ Deeon, DJ Apollo e DJ Ty.

Lippoli, Sandre e Slugo si aggiungono ad una lista sempre più nutrita di artisti che hanno partecipato a Homework, tra cui Detroit Techno Militia, Phil Weeks, Alex Neri e DJ Red.