− one = three

Raccontiamo l’ultimo party Mutate dello scorso 25 Dicembre targato Mord Night, che ha visto protagonisti Bas Mooy, UVB e Code27. 

Lo scorso 25 Dicembre siamo stati ospiti del party natalizio targato Mutate al Duel Club di Pozzuoli (Napoli): la Mord Night.

Scelta di buon gusto anche per il fatto che la Mord Records è una delle etichette discografiche più apprezzate dal pubblico.

Diventato così uno dei regali più attesi dalla città di Napoli, lo scorso party Mutate ha puntato i riflettori su due delle punte di diamante dell’etichetta olandese: Bas Mooy UVB.

Il terzo artista sulla quale hanno deciso di puntare l’organizzazione è Code27, un giovanissimo Dj Resident del gruppo nato e forgiato nella periferia partenopea.

Mord Night

L’evento ha avuto luogo nella sala 3 del Duel Club, una location rivisitata e resa più spaziosa grazie all’idea di accorpare alla sala in questione, quella che un tempo era chiamata sala 2.

Altro elemento da non trascurare è stato sicuramente il nuovo look della sala 3.

Più ampia e soprattutto accogliente grazie ai nuovi impianti a luci LED dai colori sgargianti che tagliano da ogni direzione il buio totale presente.

Gli artisti sono stati accolti da un pubblico esigente e munito di grandi aspettative, uscito però dal locale soddisfatto per aver ascoltato tre performance di qualità indiscussa.

Ad aprire le danze Code27, con un buon dj set, sia da un punto di vista tecnico, sia per la scelta della selezione.

Il giovane artista ha dimostrato di saper plasmare gli ascoltatori presenti in pista già dalle prime ore del party, preparando così la scena al meglio per due ospiti di rilievo.

Nella parte centrale dell’evento la performance di Bas Mooy, fondatore della Mord Records, arrivato direttamente da Rotterdam.

Un’esibizione coerente con le aspettative degli ascoltatori: precisione tecnica e capacità di influenzare il mood dei presenti mediante lo stile forte e innovativo che contraddistingue Mord.

L’ultimo artista che abbiamo avuto il piacere di ascoltare è stato UVB, che ha letteralmente scosso la pista con un’esibizione adrenalinica, precisa e mai scontata.

UVB ha dato prova, anche in questa occasione, di essere un artista capace di saper spaziare tra ritmiche leggermente più nostalgiche, vocal evocativi, accostati a sonorità contemporanee dalla forte personalità.

La serata è stata nel complesso piacevole grazie anche all’atmosfera gradevole e amichevole.

Il prossimo evento Mutate ospiterà sempre al Duel Beat un’altra label che risiede nell’Olimpo delle migliori, Pole Group con Oscar Mulero Reeko.