fifty three − = 52

Busy P posta sulla pagina di Ed Banger Records un video che riproduce la nuova traccia di Thomas Bangalter, prendendo in giro i fan dei Daft Punk.

Qualche giorno fa è stato caricato un video sul profilo Instagram dell’etichetta francese Ed Banger Records, nel quale è ripreso un vinile blu che riproduce un estratto della traccia “Riga (take 5)” di Thomas Bangalter, uno dei robot che compone i Daft Punk.

Purtroppo, la Ed Banger Records e Busy P (storico manager dei Daft Punk e proprietario dell’etichetta) hanno giocato un brutto scherzo ai fan del duo francese.

L’estratto della traccia “Riga (take 5)” condiviso sui social, è parte originale della colonna sonora per il film lettone Riga (Take 1) del regista Siegfried uscito nel 2017. Come si evince dallo stesso post, la traccia non è di proprietà di Ed Banger Records ma appartiene al film.

La traccia acid-techno di 14 minuti prodotta su un lato blu di un vinile in edizione limitata, è stata incisa su 500 vinili soltanto, di cui alcuni venduti alla proiezione del film presso l’hotel Luminar de Ville a Parigi in giugno.

Bangalter non è nuovo a collaborazioni con il cinema. Ha contribuito con le tracce “Sangria” e “What to do” al nuovo film di Gaspar Noè “Climax” dopo aver preso parte, con lo stesso regista, a “Irreversible” e “Enter the Void”.

I Daft Punk non pubblicano musica dal 2013, dal loro ultimo album “Random Access Memories”.  Durante tutto l’inverno dello scorso anno si vociferava di un ritorno del duo nei palcoscenici, voce mai confermata e diffusa solamente sulla teoria del loro ritorno dopo 10 anni dal tour Alive 2017 e 20 da Alive 2007 (clicca QUI per leggere il nostro articolo che spiegaa perché i Daft Punk non si sono esibiti in un tour nel 2017).

Per il momento comunque, i Daft Punk non si mettono sotto la luce dei riflettori ma in questo periodo hanno preso parte a progetti come “Starboy”, album di The Weeknd (cantante canadese) del 2016 con la traccia “I feel it coming” e “Starboy”, e all’LP degli Arcade Fire “Everything now” che attribuisce a Thomas Bangalter i compiti di produzione insieme al produttore Stevey Mackey.

 

Mattia Gargiulo