two + four =

Si è tanto parlato di Pioneer negli ultimi tempi, stranamente però non si era parlato di innovazioni tecnologiche o di nuovi prodotti per dj ma delle vicende finanziare del gruppo giapponese.

Oggi invece torniamo a parlare di tecnologia, Pioneer presenta infatti KUVO, ovvero la nuova piattaforma composta di un’app e di un nuovo sito web che fornisce informazioni su quello che i dj stanno suonando nei club di tutto il mondo.

Questa feature sarà integrata grazie al Link Lan sull’hardware di fascia alta Pioneer, il club potrà scegliere di volta in volta se diffondere le informazioni sul set del dj agganciandosi all’app KUVO.

Per ora KUVO funzionerà esclusivamente su hardware pioneer ma il gigante giapponese annuncia di aver già intavolato trattative con altri marchi per estendere questa capacità anche ad altre macchine, a riguardo è stato incluso nel progetto anche mr. Richie Hawtin che sta studiando un plugin per l’integrazione con KUVO dei prodotti Native Instruments.

Non sono finite le novità previste per KUVO: l’app infatti permette agli utenti di creare playlist personalizzate, seguire i profili dei club e dei djs, caricare foto dei party e trovare nuove venue grazie alla mappa dei club.

Tanto per fare qualche nome KUVO è già collegata a club come il Ministry Of Sound di Londra, il Mansion di Miami e lo Space ad Ibiza.

La cosa più interessante di KUVO è che Pioneer promette l’utilizzo dei dati registrati dalla sua app per arrivare finalmente ad una giusta distribuzione dei diritti a labels e producers. Si sta già pensando alle procedure in collaborazione con l’Association For Electronic Music.

Che dire, se fino a qualche anno fa leggere le etichette dei dischi sui technics era impossibile ed ora  ci eravamo quasi abituati agli shazammatori di professione , non servirà neanche più sporgersi sui monitor dei cdj per rubare qualche traccia. Basterà solo collegarsi a KUVO.

Alessandro Cocco