− three = one

Poter gioire anche in un momento che segna la fine; non drastica, non eterna, ma pur sempre una fine. Questa è l’emozione che contraddistingue un closing party, salutare la stagione invernale, il club, il quartiere, quelle strade trite e ritrite che portano sino al Rashomon di Roma, dove abbiamo sentito per mesi la musica uscire da quell’impianto, le luci abbagliarci nei momenti più esaltanti, quella consolle, quello staff.

Il fatto che sia un closing fa notizia fino a un certo punto però, perché è il party che deve essere crearsi, e senza la musica di qualità non si va da nessuna parte.

Questo compito sarà affibbiato a due mostri sacri della musica elettronica, un po’ house, un po’ techno, comunque underground e ci mette la firma Perlon.

“Sammy Dee. Panorama Bar. Dice niente? Uno che nel 1998 fonda i Pantytec assieme a Zip, dal 2003 incide su Perlon ed è metà degli Half Hawaii con Bruno Pronsato. Uno che dovrebbe far muovere le gambe solo per il suo nome. Il suo nome è legato a filo diretto con il club Panorama Bar di Berlino e l’etichetta culto Perlon. Sammy Dee è da considerarsi tra i “messaggeri” di quel suono tedesco che tante rivoluzioni ha portato nella musica elettronica internazionale. Sammy Dee saprà enfatizzare suoni e galvanizzare il pubblico, parola di chi delle storie sulla techno romantica non è mai stufo.

Thomas Melchior è comparso sulla scena agli inizi degli anni 90, facendo uscire le sue prime tracce prima per l’etichetta Rephlex di Aphex Twin con il duo Vulva, poi come Yoni su Source Records di Move D. Delfino della leggenda techno Baby Ford, con cui uscì come Sunpeople, Soul Capsule, parte di Ifach Collective e M-Core su Trelik e Ifach. Fondò le etichette Softcore, Aspect Music e Melchior Productions, poi diventò una delle colonne del movimento minimal su Perlon, Playhouse, a:rpia:r, Cadenza, LoMidHi Organic, Smallville. Melchior ha anche collaborato con Luciano, Ricardo Villalobos, Bruno Pronsato e Fumiya Tanaka. Vivendo tra Berlino, Londra e Brasile, ed avendo suonato in tutto il mondo, oltre ad essere stato resident al Circoloco di Ibiza e membro di Narod Niki di Villalobos, Melchior rimane uno dei veri fenomeni underground.”

Ma la musica sarà come sempre a 360°, e la line up è più copiosa e succulenta anche grazie ai resident e agli altri ospiti che si metteranno in consolle.

DHAZE 
[ Metrloline – Memoria Recordings ]

STEFANO TESTA 
[ Melisma ]

ROOM 2

DEKK

AMELIÈE 

ANDREAS SARMANIS

GERMANO 

LOWRIDERS

Altre info le troverete nell’evento ufficiale.