sixty seven + = 77

La piattaforma LANDR, conosciuta per il suo servizio di mastering automatico, lancia un nuovo servizio parallelo basato sulla condivisione temporanea di tracce.

LANDR è una particolarissima piattaforma che offre un servizio di mastering automatizzato, per cui un producer può rilasciare nella pagina principale un file audio di un suo brano appena sfornato e una serie di algoritmi basati su una sorta di sistema ad intelligenza artificiale è in grado di apportare al brano alcuni ritocchi di massima effettuando un processo di mastering al brano.

Sulla reale attendibilità di un mastering effettuato da una serie di algoritmi si è ampiamente dibattuto nella rete in questi ultimi tempi, e i due proprietari della piattaforma non nascondono il fatto che questo servizio non mira a sostituire completamente dei tecnici del suono preparati e con anni di studio nel settore.

Tuttavia il servizio risulta comodo è funzionale per dare una lucidata a bozze, demo o dj-set da caricare poi su Mixcloud o girare ad eventuali interessati.

Per dare un ulteriore spinta alle potenzialità di LANDR, ora nasce un servizio accessorio gratuito che permette agli artisti di condividere e scambiarsi tracce privatamente, per un tempo limitato (un po’ come la condivisione file tramite WeTransfer) e resi sicuri da un elevato crittaggio, con la possibilità di assegnare un watermark unico ed evitare in questo modo il leaking delle tracce. Appena caricata la traccia è quindi possibile selezionare il destinatario e la durata per la quale il file resterà accessibile, da un’ora a una settimana.

Il servizio è partito il 15 di agosto ed è attualmente aperto un concorso a carattere promozionale per cui è possibile condividere privatamente una vostra traccia con LANDR stesso e avere la possibilità di essere selezionati per un mastering professionale da parte del pluripremiato Derek MixedByAli, ingegnere del suono di alcuni big della musica leggera tra cui Kendrick Lamar.

Per ulteriori informazioni sul concorso invitiamo a visitare il sito ufficiale.

Paolo Castelluccio