sixty two + = 64

Il Dj resident che meglio rappresenta il Berghain Ben Klock ci stupisce ancora. Si è lanciato in un progetto totalmente futurista insieme ad collega produttore e un regista video maker all’avanguardia. 

Ben Klock, Fadi Mohem e Helmut Breineder presentano il CERN, la loro prima collaborazione audiovisiva che esplora le nuove possibilità di tecnologia blockchain.

L’opera d’arte digitale mostra un’esclusiva traccia della durata di un minuto della leggenda della techno Ben Klock e del produttore emergente Fadi Mohem.

Questa traccia è  concepita utilizzando prevalentemente  la classica drum machine TR-909, ritenuta anche la quintessenza della techno. La TR-909 è infatti uno strumento creato per suonare come un martello pneumatico, che garantisce dopo tutti questi anni una sonorità ancora moderna.

La musica futuristica viene inserita nell’audio di Helmut Breineders sistema di particelle reattivo per generare una scultura digitale fluida con molteplici collisioni.

Il loro primo NFT è limitato a un’edizione di un solo esemplare e sarà messo all’asta tramite Foundation, lo stesso marketplace utilizzato da artisti come Aphex Twin, Holly Herndon e Edward Snowden.

Gli NFT sono token non fungibili che attestano la proprietà di un oggetto del mondo fisico o digitale.  Per adesso, le principali applicazioni le abbiamo viste nel mondo dell’arte, del collezionismo e di altre aree del digitale, come i nomi di dominio sulla blockchain.

Questo progetto che unisce audio, video e design, è veramente una proposta ambiziosa. Non a caso Ben chiama con sé il l’astro nascente della sua label klockworks.

Fadi Mohen sviluppa una passione per la musica elettronica in giovane età. Invece di seguire le tendenze, Fadi Mohem cerca sempre di soddisfare i propri ideali sonori. Influenzato dalla prima Detroit Techno e Berlin Dub Techno, Drum & Bass, Dubstep e IDM, gli piace rompere gli schemi. 

Probabilmente anche il nome del progetto CERN è in riferimento all’anello sotterraneo che si trova a Ginevra dove si scontrano le particelle e gli atomi per poter conoscere l’origine della materia.

Chissà forse grazie a questi tre artisti conosceremo l’origine del suono che poi si trasforma in qualcosa di solido.