− two = one

Darius Syrossian e Alan Fitzpatrick ci introducono nella nuova sede di Do Not Sleep, che dopo aver segnato la recente storia dI Ibiza in ogni punto caldo della Isla, approda al locale forse più riconosciuto e leggendario: l’Amnesia.

Il party Do Not Sleep era stato lanciato da Darius Syrossian e Neil Evans durante la stagione invernale al Boom Ibiza nel 2014, ha poi posato la prima pietra miliare nella prima estate al Vista Club Privilege nel 2015. Ha poi attraversato l’isola per trasferirsi allo Space Ibiza, dove è stato ospitato per 16 settimane dalla famosa terrazza e dalla sala principale nel 2016. Nel 2017 è poi atterrato al Sankeys Ibiza e ora è il turno di creare nuovi capitoli all’iconico Amnesia Ibiza!

Abbiamo avuto l’opportunità di scambiare due chiacchiere con due dj di spicco come Darius Syrossian (qui la sua pagina Facebook) e Alan Fitzpatrick (qui la sua pagina Facebook), profondamente connessi con la gente del dancefloor e molto fedeli alla cultura originale della musica elettronica.

ITALIAN VERSION / ENGLISH VERSION

Do Not Sleep ha da poco annunciato il trasferimento all’Amensia, come ci si sente ad essere associati con un marchio e un club così iconici?

Darius Syrossian: È incredibile avere una residenza in uno dei club più leggendari dell’isola, io ero un resident di Space Ibiza durante il suo ultimo anno e direi che questo è allo stesso livello. Dopo aver parlato con I ragazzi sono davvero entusiasto di ciò che ci aspetta, capiscono cosa vogliamo fare con DO NOT SLEEP e la festa. È molto importante lavorare con un club che la pensa allo stesso modo.

Alan Fitzpatrick: Non potrei essere più contento di questa notizia. Dal mio punto di vista, Amnesia è un luogo veramente leggendario e con una storia incredibile. È stato davvero un momento speciale per me suonare i miei primi dj-set al club nel 2017 e quindi poter tornare ad Amnesia più volte quest’estate è per me un sogno che si avvera. Dal punto di vista di che cosa significhi per Do Not Sleep sono orgoglioso di loro per aver fatto questo passo. Neil e Darius sono stati molto generosi con me l’estate scorsa, invitandomi ad ospitare una serie di party We Are The Brave all’interno della loro residenza Do Not Sleep presso il Sankeys, quindi per me è stato importante mostrare loro il mio sostegno assicurandomi di poter far parte del prossimo capitolo della loro storia ad Amnesia.

Poichè la scena dei clubbing a Ibiza è in costante cambiamento e Do Not Sleep è stato in diverse sedi, in che cosa si distingue Amnesia da poterla chiamare casa?

Darius Syrossian: Beh, come ho spiegato nel video quando ho fatto visita ai ragazzi dell’Amnesia per discutere dell’estate, ho detto che in precedenza eravamo stati un party nomade e che quella era la nostra scelta, volevamo essere una delle poche feste che si muovono proponendo eventi in luoghi diversi, nessun altro lo stava davvero facendo; DO NOT SLEEP è stato presso il Privilege, presso la terrazza e la sala principale dello Space e anche presso il Sankeys, aveva comunque già fatto una tappa singola presso Amnesia con HYTE nel 2015. Quando ho incontrato i ragazzi e parlato del progetto, ho detto che avevamo una visione a lungo termine e un piano perchè questo diventi qualcosa da costruire anno per anno. Personalmente quella sala è perfetta per noi, è una sala grande ma si ha la sensazione di una sala intima, il che è davvero raro; le sale grandi sono normalmente distaccate dalla folla e questo significa che alcune tracce più profonde non funzionano altrettanto bene, solo le tracce adatte alle sali grandi lo fanno davvero. Comunque, ho già suonato in questa sala ed entrambe  le tipologie di tracce funzionano, mi piace andare sul Deep e qualche volta anche sul Minimal,  suonare anche HOUSE MUSIC, come anche Techno e Balearica. Conoscevo la sala e che i ragazzi dell’Amnesia avrebbero gradito un piano a lungo termine, quindi questo ha reso la decisione di accordo molto più facile; come dico in quel video, posso immaginarmi che questa sia la nostra casa permanente.

Alan Fitzpatrick: Penso che il trasferimento all’Amnesia farà una grande differenza per la consapevolezza e il profilo di Do Not Sleep in Ibiza. Tutti quelli che visitano Ibiza hanno “andare all’Amnesia” nella loro lista di cose da fare, quindi sono sicuro che quando arriveremo alla fine della stagione ci saranno molti più Do Not Sleep fan provenienti da tutto il mondo, in particolare per via dei nomi ingaggiati che sono così buoni e rappresentano una vasta gamma di talenti dalla House alla Techno. Questo tipo di programmazione è possibile solo quando si dispone di una sede iconica in cui invitare I DJ a suonare, e Amnesia è esattamente questo. Ogni DJ vuole suonare all’Amnesia!

Potresti identificare eventuali temi o tendenze attuali che emergeranno per la stagione 2018? Qualche artista da tenere d’occhio?

Darius Syrossian: Penso davvero che molte nuove tendenze possano coesistere in questi giorni. Internet consente alle persone di scegliere da sé ciò che preferiscono, piuttosto che farsi imporre ciò che deve piacere da una rivista. So che per quanto ci concerne, abbiamo fatto coscientemente uno sforzo per spostarci con il nostro suono ancora più nell’underground, ad esempio abbiamo ingaggiato nomi come Robert Hood per venire a fare la sua cosa Floorplan, abbiamo Cassy, ​​abbiamo Martin Buttrich, Josh Wink, Christian Burkhardt, Mella Dee e Fabe che è conosciuto più per il suo lavoro con Cocoon. Come potete vedere nella nostra programmazione, c’è Techno, ma anche Techno che si fonde con Disco, Minimal e musica House di qualità. Penso che Disco Techno avrà un impatto quest’anno, molte persone si stanno annoiando dello stesso suono generico e pigro della Tech House, vogliono sentire qualcosa con un po ‘più di anima e profondità. Puoi ancora avere buone tracce Dancefloor senza usare la stessa formula di tutti gli altri.

 Alan Fitzpatrick: Ogni stagione ibizenca è sorprendente. Una certa festa, un certo artista o una traccia che esplode dal nulla e viene portata avanti dallo slancio inarrestabile che deriva da un programma non-stop di eventi sull’arco di 4 o 5 mesi e dall’esposizione tipo “vetrina” che si crea grazie ai molti turisti, provenienti da tutto il mondo, che si trovano sull’isola durante quel periodo. Questo è ciò a cui guardo anche io. Vedendo chi saranno quelli che esploderanno. Ho sicuramente beneficiato esattamente di questo quando letteralmente dal nulla il mio remix di Trus Me ‘I Want You’ è diventato improvvisamente molto popolare tra tutti i tipi di DJ, molti dei quali sono sicuro che non avevano assolutamente idea di chi fossi ne che avessero mai suonato una delle mie tracce prima. Questa è la magia di Ibiza!

Do Not Sleep ha avuto un enorme successo negli ultimi anni, c’è qualcosa in particolare che puoi attribuire a questo?

Darius Syrossian: Beh, penso che i nostri fan comprendano l’ethos che abbiamo, che è la cosa più importante della festa; la MUSICA e un club con un buon sistema audio, niente trucchi come ghiaccio e cannoni di coriandoli o qualsiasi altra cosa che distragga dalla musica. Questo è ottimo per altre feste e so che è stato un modello di business di enorme successo per loro, tuttavia, per noi non si tratta solo di affari, si tratta di passione. Penso che i nostri fan possano vederlo ed è per questo che ci stanno a fianco.

Alan Fitzpatrick: È un cliché, ma penso che tutto si riduca al duro lavoro. Neil e Lisa hanno davvero affrontato lavori in corso difficili per riuscire a stabilire Do Not Sleep a Ibiza, il che è una cosa molto difficile da ottenere quando ci sono così tante feste più grandi e già ben consolidate con cui competere. L’altro ingrediente chiave del loro continuo successo è il sentimento genuino e la passione che Darius porta alle loro feste. Non mi è mai capitato di non passare una buona serata a Do Not Sleep e questo perchè è tutto basato sulle vibrazioni di Darius e sul modello musicale che ha creato. La musica viene prima di tutto e si tratta di divertirsi. Ballando con un sorriso stampato sul viso e rimanendo incatenati al dancefloor. Questo è ciò a cui mi sono connesso ed è il motive per cui mi piace lavorare con Do Not Sleep.

Abbiamo visto giovani DJ come Jamie Roy e Griff diventare regolari nella programmazione di Do Not Sleep. Quanto ritieni importante portare e coltivare nuovi talenti nella scena?

Darius Syrossian: Molto importante, ho sempre supportato i talenti emergenti. Se non fosse per i talenti emergenti che sfondano la scena non progredirebbe; I nuovi talenti di ieri sono i grandi giocatori di oggi. Potrei dare così tanti esempi di artisti che ho conosciuto come artisti emergenti, ma che ora suonano nei più grandi festival di tutto il mondo.

Alan Fitzpatrick: È assolutamente cruciale Non solo i DJ residenti danno il tono di una festa ogni notte, ma creano la continuità nel corso di una lunga stagione. Sono la colla che unisce tutto insieme. Jamie e Griff fanno un ottimo lavoro a questo riguardo e sono anche entrambi dei bravi ragazzi con cui divertirsi. Questo aggiunge molto alla sensazione di famiglia derivante dall’essere parte di Do Not Sleep e un’ulteriore ragione per cui personalmente mi piace tornare a suonare con loro ogni volta.

Quante stagioni a Ibiza avete passato per giungere a questa?

Darius Syrossian: In passato ci sono stato molte per viaggi brevi, ma l’estate del 2012 è stata la prima stagione. Ho trascorso tutta l’estate sull’isola e così ho continuato da allora. Quello fu il primo anno di VIVa Warriors e io ero residente. Ogni anno da allora ho fatto una residenza come DJ ed è stato un grande viaggio. Preferisco fare questo piuttosto che venire a fare l’ospite per le feste degli altri. Mi piace vedere crescere la festa e lavorare con il team con cui lavoro, che ora è Do Not Sleep. Ci godiamo le feste insieme e vediamo gli abituali venire e godersi quello che stiamo portando sull’isola. Nel corso degli anni è stato bello vedere DO NOT SLEEP ospitare un pubblico internazionale, molti italiani, spagnoli, svizzeri, tedeschi e olandesi, così come la folla inglese. Abbiamo visto anche molti arrivi dal Sud America ed è bello sapere che ci sono così tante persone da tutto il mondo, che si uniscono per ballare e godersi la festa insieme.

Alan Fitzpatrick: Il mio primo ingaggio a Ibiza è stato nel 2013, quindi quest’anno sarà la mia sesta stagione, ma vengo a Ibiza da raver da quando avevo 16 anni, circa 20 anni fa.

Al di fuori di Do Not Sleep all’Amnesia, cos’altro si dovrebbe visitare a Ibiza? Quali sono i posti da vedere?

Darius Syrossian: Se parliamo di concerti e musica, direi che l’Underground è sempre un’esperienza incredibile. Hanno artisti di qualità e non sono pubblicizzati massivamente, quindi ottieni un pubblico davvero buono, inoltre il luogo è fantastico, intimo con un grande giardino all’aperto. Poi ovviamente la programmazione di Paradise al DC10, per i quali farò uno show quest’estate, guarda fuori bene, così come il Circoloco. Per cose al di fuori della musica, posti come Hacienda. È un posto fantastico per sfuggire e rilassarsi, nel nord dell’isola su una scogliera. Atzaro è anche un ottimo agriturismo per rilassarsi e distendersi e ci sono molte spiagge che molte persone non conoscono; uscire in esplorazione e scoprirle da se è una grande esperienza.

Alan Fitzpatrick: Penso che il miglior consiglio che posso dare a chiunque viaggi a Ibiza è quello di assicurarsi di crearsi il tempo per allontanarsi dai club e dalle feste e uscire per esplorare l’intera isola. È molto facile andare per una settimana o anche più a lungo e non vedere nulla oltre la vita notturna di Ibiza, il che è davvero un peccato perché c’è molto di più in questo luogo e così tanti posti fantastici da scoprire. Quindi andate a esplorare e createvi le vostre avventure!

C’è una nuova traccia che sei sicuro al 100% farai girare sul tuo dancefloor?

Darius Syrossian: Ahh potrei citarne così tante. C’è il remix di Man Power e anche Phil Weeks di tracce che ho pubblicato sulla mia etichetta, Moxy Muzik; che lanceremo alla fine dell’estate. Nuove tracce di Ronnie Spiteri su We are the Brave, e nuove produzioni mie che stanno arrivando su Moon Harbor, 8 Bit e Hot Creations. C’è anche un remix che ho fatto per l’etichetta di Matador, Rukus. Non vedo l’ora di ascoltarle tutte su quell’incredibile sistema audio della sala principale dell’Amnesia!

Alan Fitzpatrick: Ho scritto una traccia chiamata System Addict che sarà rilasciata su Unknown To The Unknown che ritengo possa diventare la mia grande traccia per l’estate. È allegra, felice con grandi ganci e battiti laceranti; spero possa offrire alle persone alcuni momenti memorabili.


ENGLISH VERSION / ITALIAN VERSION

Darius Syriossian and Alan Fitzpatrick introduce us to the new venue for Do Not Sleep.

It was launched by Darius Syriossian & Neil Evans as a winter party at Boom Ibiza in 2014, had a landmark first summer at Vista Club Privilege in 2015, then moved across the island to Space Ibiza to host 16 weeks on the famous terrace and main room in 2016. In 2017 it landed at Sankeys Ibiza and now it’s the turn to create new party chapters at Amnesia Ibiza!

We had the opportunity to have a back to back chat with this two outstanding Dj’s deeply connected with the people on the dancefloor and very loyal to the original club culture.

Do Not Sleep has just announced is move to Amnesia, how does it feel to be associated with such an iconic brand and club?

Darius Syrossian: It’s amazing to have a residency with one of the legendary clubs of the island, I was a resident with Space Ibiza in its final year and this is on a par with that I would say. After speaking with the guys I am really excited about what lies ahead, they understand what we want to do with DO NOT SLEEP and the party. It is really important to work with a club that think the same way.

Alan Fitzpatrick: I couldn’t be happier about this news. From my own personal perspective, Amnesia is such a legendary venue with an incredible history. It was a real special moment for me to play my first gigs at the club in 2017 and so to be able to look forward to returning to Amnesia multiple times this summer is a dream come true for me. In terms of what it means for Do Not Sleep I am proud of them for being able to make this step. Neil and Darius were very generous to me last summer by inviting me to host a series of We Are The Brave parties within their Do Not Sleep residency at Sankeys so it was important to me that I showed my support back to them by making sure I was able to be a part of the next chapter of their story at Amnesia. 

As the Ibiza club scene is constantly shifting and Do Not Sleep has been in various locations. What does Amnesia offer differently to the other venues it’s called home?

Darius Syrossian: Well as I explained in the video when I went to visit the Amnesia guys to discuss the summer, I said we had previously been a nomadic party and that was our choice, we wanted to be one of the few parties that moves around and puts events on at different venues, as nobody else was really doing that; DO NOT SLEEP has previously been at Privilege, a one of at Amnesia with HYTE in 2015, Space Terrace and Main room and also Sankeys. I said when meeting the guys and talking about the plan, we had a long term vision, and a plan for this to be something we build on every year. Personally that room is perfect for us, it’s a big room but has the feel of an intimate room, which is really rare; big rooms you are normally detached from the crowd and this means certain deeper tracks don’t work as well, only big room tracks do really. However, I have played in this room before and both work, I like to go deeper and minimal sometimes and also play proper HOUSE MUSIC, as well as Techno and Balearic. I knew the room and that the Amnesia guys would like a long-term plan, so this made the decision to agree much easier; like I say in that video, I could see this being our permanent home.

Alan Fitzpatrick: I think the move to Amnesia will make a huge difference to the awareness and profile of Do Not Sleep in Ibiza. Everyone who visits Ibiza will have a visit to Amnesia on their list of things they must do, so I am sure by the time we reach the end of the season there will be many more DNS fans from all over the world, particularly as the line ups that have been booked are so good with a great range of talent from across house and techno. This sort of programming is only possible when you have an iconic venue to invite DJs to play at, and Amnesia is exactly that. Every DJ wants to play at Amnesia! 

Could you identify any current themes or trends that will be emerging for the 2018 season? Any artists to keep an eye on?

 Darius Syrossian: I really think lots of new trends can co-exist these days. The internet enables people to choose for themselves what they like, rather than be dictated what to like by a magazine. I know for us, we have made a conscious effort to shift even more underground with our sound, for example we have booked acts like Robert Hood to come and do his Floorplan thing, we have Cassy, we have Martin Buttrich, Josh Wink, Christian Burkhardt, Mella Dee and Fabe who is known more for his work with Cocoon. As you can see, there is Techno but also Techno fused with Disco, Minimal and quality House music in our line ups. I think the Disco Techno thing will make an impact this year, a lot of people are getting bored of the same generic lazy Tech House sound, they want to hear something with a bit more soul and depth. You can still have good Dancefloor tracks without having the same formula as everyone else.

 Alan Fitzpatrick: Each Ibiza season always creates some surprises. A certain party, or artist or track that just blows up out of nowhere and is carried along by the unstoppable momentum that comes from the non-stop schedule of events for 4 or 5 months and the “shop window” type exposure that comes from so many tourists, from all over the world, being on the Island over that time. That is what I am looking forward too. Seeing who will be the ones who blow up. I certainly benefitted from exactly this when literally out of nowhere my remix of Trus Me ‘I Want You’ all of a sudden became massively popular with all sorts of DJs, many of whom I am sure had absolutely no idea who I was or had ever played one of my tracks before. That’s the magic of Ibiza!   

Do Not Sleep has had an extreme amount of success over the last few years, is there anything in particular you can attribute that too?

Darius Syrossian: Well I think our fans understand the ethos we have, which is the most important thing about the party; the MUSIC and a club with a good sound system, no gimmicks like ice and confetti cannons or any other things that take away from the music. That’s great for other parties and I know it’s been a massively successful business model for them, however, it’s not just a business for us, it’s a passion. I think our fans can see that and that’s why they are behind us.

Alan Fitzpatrick: It is a cliche, but I think it all comes down to hard work. Neil and Lisa have really put the hard yards in to establish Do Not Sleep in Ibiza, which is very difficult to achieve when there are so many bigger and already well established parties to compete with. The other key ingredient to their continued success is the genuine feeling and passion that Darius brings to their parties. I have never not had a good time when I have been at Do Not Sleep and that is all about Darius’ vibe and the musical template he has created. The music comes first and it is all about having fun. Dancing with a smile on your face and getting stuck in on the dancefloor. This is what I connected with and why I enjoy working with Do Not Sleep.    

We’ve seen young DJ’s such as Jamie Roy and Griff become staples on Do Not Sleep line-ups. How important do you feel it is to bring through and nurture new talent in the scene? 

Darius Syrossian: Very important, I have always supported upcoming talents. If it wasn’t for upcoming talents breaking through the scene would not progress; yesterday’s new talents are todays big players. I could give so many examples of artists who I knew as an upcoming artist but are now playing the biggest festivals around the world.

Alan Fitzpatrick: It is absolutely crucial. Not only do the resident DJs set the tone of a party each night, they create the continuity over the course of a long season. They are the glue that brings the whole thing together. Jamie and Griff do a great job in this respect and they are also both really sound lads who are great fun to hang out with. This adds a lot to the family feel you get from being a part of Do Not Sleep and another reason why I personally enjoy coming back to play with them every time.

How many seasons have you done in Ibiza leading into this one?

Darius Syrossian: I’ve been many times in the past for short trips but summer of 2012 was the first season Ilived all summer on the island and have done since then. That was the first year of VIVa Warriors and I was resident. Every year since then I’ve done a residency as a DJ and it’s been a great journey. I prefer to do this rather than just come and guest for other people’s parties. I like to see the party grow and work with the team I’m working with, which is now DO NOT SLEEP. We enjoy the parties together and see the regulars come and enjoy what we are bringing to the island. Over the years it’s been great to see DO NOT SLEEP have an international crowd, lots of Italians, Spanish, Swiss, Germans and Dutch, as well as the English crowd. We have even seen lots from South America coming and it’s great to know there are so many people from all over the world, coming together to dance and enjoy the party together.

Alan Fitzpatrick: My first gig in Ibiza was in 2013 so this year will be my sixth season, but I have been coming to Ibiza as a raver since I was 16 which was nearly 20 years ago.

Outside of Do Not Sleep at Amnesia – where else should someone visiting Ibiza head for? What are the must see places?

Darius Syrossian: If its gigs and music, I’d say Underground is always an amazing experience. They have quality artists and it’s not commercially advertised so you get a really good crowd, plus the venue is fantastic, intimate with a great outdoor garden. Of course the Paradise line ups at DC10, for which I’ll be doing a show with this summer looks good, as well as, Circoloco. For things outside of music, places like Hacienda is a fantastic place to get away and relax. In the north of the island on a cliff, Atzaro is also great agritourism place to relax and unwind. and there is plenty of beaches that a lot of people don’t know about; going out to explore for yourself is a great experience.

Alan Fitzpatrick: I think the best advice I can give to anyone making the trip to Ibiza is to make sure they make time to get away from the clubs and the parties and head out to explore the whole island. It is so easy to go for a week or even longer and see nothing more than the nightlife side of Ibiza, which is really a shame as there is so much more to the place than this and so many amazing locations to discover. So get exploring people and create your own adventures!

Is there one new track that you are 100% sure you will be dropping this summer on your dancefloors? 

Darius Syrossian: Ahh I could name so many. There is the remix by Man Power and also Phil Weeks, on tracks I have coming out on my label, Moxy Muzik; that launches at the end of summer. New tracks by Ronnie Spiteri on We are the Brave, and new ones by myself that are coming on Moon Harbour, 8 Bit and Hot Creations. There is also a remix I have done for Matador’s label, Rukus. I can’t wait to hear all of them on that incredible Amnesia main room sound system!

Alan Fitzpatrick: I’ve written a track called System Addict that will be released on Unknown To The Unknown that I feel may well become my big tune of the summer. It has an upbeat, happy vibe with big hooks and tearing beats that I hope will deliver some memorable moments for people.

Angela Romy Saez