+ 83 = ninety three

Più di 12.000 ticket venduti, 120 performance e 5 giorni di pura immersione nella musica elettronica nel suggestivo scenario olandese dell’Amsterdam Bos. Ecco a voi Dekmantel Festival.

Il Dekmantel Festival del 2022 si appresta ad essere il più grande di sempre. Dopo l’ultima edizione del 2019, i fan possono finalmente tornare a sperimentare il meraviglioso caos musicale che solo il festival olandese sa proporre.

Record di incassi e tempestività, certe voci dicono che tutti di biglietti “tre giorni” disponibili siano andati sold out in meno di 10 minuti. Il festival torna in grande stile aggiungendo uno stage in più, il The Nest e investendo moltissimo nell’affinare l’offerta quantitativa e qualitativa degli artisti presenti in line up. Quali saranno le performance più attese? Noi di Parkett abbiamo selezionato alcune delle migliori, scopriamole insieme!

Dekmantel line up

L’ottava edizione del festival si svolgerà dal 3 al 7 di Agosto, dal mercoledì alla domenica. Come di consueto nei primi due giorni, il festival si presenta al pubblico attraverso talk, performance radiofoniche e concerti che si susseguiranno nelle diverse venues sulle rive del fiume Het IJ della città olandese. Occhi e orecchie puntate ai live dell’artista di casa Warp, Squarepusher e di Marina Herlop, i quali si esibiranno a fine luglio nella nostra penisola al Nextones in Val d’Ossola sul lago Maggiore.

Dal venerdì in poi le performance si sposteranno nel magico scenario della foresta dell’Amsterdam Bos, a pochi chilometri dal centro città, la quale si presterà ad essere la capitale della musica elettronica europea per tutto il weekend. Spot on per la doppia performance dell’artista di Tottenham, Josey Rebelle, la quale suonerà prima al Main Stage e poi in Boiler Room nella giornata di venerdì, una prima doppia volta per la dj che sa di trampolino di lancio in una carriera in ascesa fatta di release di successo.

Overmono

Sulla scia di questo UK groove, lo stesso giorno vedrà esibirsi la coppia dei fratelli Overmono, pronti ad infuocare il pubblico dello stage principale con il loro live. Attenzione, contemporaneamente al The Nest luci accese per la celebrazione dei 15 anni dell’etichetta Hessle Audio con il leggendario trio composto da Pearson Sound, Ben UFO e Pangea: una maratona di 3 ore di set che non possono non soddisfare gli amanti della bass.

La giornata del sabato offre un ricchissimo numero di performance, molte delle quali live.
In cima alla lista troviamo il duo Giant Swan e l’immortale Marcell Dettman, i quali durante il pomeriggio si scambieranno lo stage dell’UFO I. Lo spazio, che per la sua atmosfera ricorda una warehouse – tetto a punta e dancefloor stretta e lunga – si sposa perfettamente con la techno; sembra una scelta perfetta per i due artisti, maestri nell’esplorare le più oscure profondità del genere techno.

Nu Genea

Dall’oscurità dell’UFO stage si passa alla flora tropicale e al caldo del Green House stage, una vera e propria serra che ha visto negli anni esibirsi artisti di fama internazionale come Lee Scratch Perry e i nostrani Nu Genea e che quest’anno accoglierà la band composta da Seun Kuti & Egypt 80 pronti a trasmettere i loro repertorio che spazia dal jazz al funk, fino al soul. Il noto figlio del prodigioso Fela Kuti, si esibirà in coda alla performance della coppia Mc Yallah e Debmaster che tanto stanno facendo parlare nel nostro paese per via delle loro partecipazioni al Terraforma, Ortigia Sound Festival e allo Spark Festival in Puglia.

Se il sabato è contraddistinto dalle tante performance, la domenica vedrà tornare in voga i lunghi dj set dove i selectors potranno dare spazio ad un più ampio repertorio musicale, generando un vero e proprio viaggio tra i suoni e i sensi. Si parte con le 7 ore di b2b dei veterani Antal e Hunee al Green house, per poi passare all’UFO I stage con sei ore di set in cui si alterneranno ai decks le esperte Nene H, Helena Hauff e Dj Stingray.

Insomma un tranquillo programma domenicale, nel quale si inseriscono cinque ore di puro sudore e stravaganza offerti dal collettivo Herresauna. Il team per l’occasione sarà composto da SPFDJ, CEM, MCMLXXV e Hector Oaks i quali prenderanno il comando delle operazioni dal tardo pomeriggio e guideranno il pubblico fino in chiusura.

Ma il vero atto conclusivo non può che essere la performance del main stage. Il più atteso, il più ascoltato, il più fantastico atto del festival è un mix di sound experience incredibile, visual performance viscerale e maestosità dato il numero di persone che in quel momento affollano la pista dello stage. Un emozione irripetibile nelle mani di un artista abituato a riempire club, che tutto di un tratto è catapultato sulla cima del palco esibendosi per quasi 10 mila persone; quest’anno tale onore aspetterà a Batu. Il dj inglese ha dovuto attendere 2 anni per prendersi quello che si spettava, ovvero non solo il prestigio di essere stato selezionato per quello spot, che solo in pochi possono dire di aver ottenuto nell’arco di un’intera carriera, ma la gloria di rimanere nei ricordi dei tanti fortunati che saranno lì.

Un riassunto di ciò che vi stiamo raccontando? Il video qui sotto riportato. Emozioni allo stato puro.

Per rimanere aggiornati su tutte le news e le story del Dekmantel festival cliccate QUI e per altre info sui festival in Italia e nel mondo cliccate QUI.

 

Vito D’Alessandro