− three = one

Durante il lockdown ci hanno tenuto compagnia le dirette dei dj, trasmesse in streaming su Facebook. Ma dal 1 ottobre cosa cambierà?

Nonostante il periodo di lockdown ha visto un fiorire continuo di dirette di dj più o meno famosi (anche Parkett ha organizzato una serie di Dj Set in live streaming, ricordate Homework) ormai era sempre più difficile cercare di fare Dj Set in diretta live su Facebook.

Avevamo anticipato la notizia qualche tempo fa, quando si trattava solo di rumors. Fra poco meno di un mese sarà definitivamente vietato.

Dal 1 ottobre Facebook infatti introdurrà nuove regole più radicali ed aggressive nei confronti del live streaming , in particolare dei DJ.

Come parte di un cambiamento radicale più generale al modo in cui Facebook gestisce i contenuti sulla sua piattaforma, ci sono nuove linee guida musicali specifiche, che affermano:

Fra tutti i vari cambiamenti radicali previsti dalle nuove policies di Facebook, in particolare quello di cui parliamo è il seguente:

“Non puoi utilizzare video sui nostri Prodotti per creare un’esperienza di ascolto musicale … Se utilizzi video sui nostri Prodotti per creare un’esperienza di ascolto musicale per te o per altri, i tuoi video verranno bloccati e la tua pagina, profilo o gruppo potrebbero essere eliminati. Questo include Live.”

Quindi si arriverà tranquillamente al ban definitivo di pagine o account che violeranno questa nuova policy.

All’interno delle linee guida complete sono descritti gli scenari in cui è più probabile che i divieti vengano applicati ma, il messaggio è molto chiaro: Facebook serve per condividere momenti con la famiglia o gli amici, non per fare dirette musicali e condividere musica. Almeno che non siate organizzazioni commerciali abbastanza grandi da ottenere una eccezione alle regole.

Infatti molti DJ famosi, etichette discografiche o aziende legate al business musicali continuano a fare accordi “off records” direttamente con facebook per ospitare eventi live di Dj indipendemente dalle regole. Per cui sembra proprio che ci sia “un regolamento per i comuni mortali e uno per gli altri”.

Cosa deve fare allora un dj che vuole condividere le proprie performance ?

Il consiglio che possiamo darvi è quello di utilizzare piattaforme di terze parti che consentono deliberatamente lo streaming di contenuti musicali coperti dal diritto d’autore.

In particolare la soluzione migliore al momento è Mixcloud che dietro il pagamento di una piccola fee mesnile permette di realizzare streaming di dj set completamente legali e studiata appositamente per i dj.