− two = 4

La quindicesima uscita di una tra le più celebri etichette italiane nel panorama Techno sarà curata da Grand River.

Grand River (il cui vero nome è Aimée Portioli) annuncia l’uscita di “Pineapple”, il suo primo album su Spazio Disponibile, l’etichetta di casa a Roma ed enorme vanto dell’elettronica nazionale.

Il nome della label è per molti sinonimo dei suoi più celebri fondatori, Donato Dozzy (ve ne avevamo parlato anche qui) e Neel, insieme come “Voices from The Lake”. Parte della compagine di artisti che producono sull’etichetta troviamo tanti altri nomi di interessantissimi talenti italiani, come Marco Shuttle, Modes e Crossing Avenue, ma anche l’americano Mike Parker, che spesso collabora con Donato Dozzy.

Prima donna, al momento, su Spazio Disponibile, è Grand River, già alla sua seconda release sull’etichetta, dopo l’EP “Crescente” del 2017.

Gran River ha anche aperto uno dei party di presentazione della label: ha, infatti, suonato prima di Dozzy, Neel e Retina.it all’evento tenutosi al Village Underground di Londra, lo scorso maggio.  L’evento era parte di una serie di party in Europa organizzati dall’etichetta, iniziati al Berghain di Berlino e conclusasi allo Shelter di Amsterdam.

Di seguito trovate la tracklist completa di “Pineapple”, in uscita il 10 settembre:

A1 Pleasure Garden

A2 Installation

B1 When It Was All Flourishing

B2 End Of Cycles

C1 A Place Of Giants

C2 I Want To Be Saved

C3 Matter

D1 Ecouri

D2 The Question Is

D3 Recollection

Grand River è un’artista di origini italo-olandesi, di casa a Berlino: con una formazione in composizione musicale classica, le sue produzioni si contraddistinguono per un gusto particolare nel creare una storia musicale particolarmente delicata, che tocca le corde dell’ambient e dello sperimentale, in maniera del tutto peculiare.

Anche il suo titolo del suo album, “Pineapple”, sembra essere stato scelto proprio per sottolineare la peculiarità delle sue produzioni: “ l’ananas e il più peculiare dei frutti” si legge, infatti, nella rassegna stampa di presentazione dell’album e nella pagina Instagram dell’artista.

 

“Con un nome alquanto strano (pineapple), questi frutti non hanno alcuna relazione né con i pini, né con le mele. Sembrano dover essere tagliati in maniera bizzarra per poter essere serviti. Pieni di spine, il loro aspetto esteriore non anticipa in alcun modo il colore giallo e la dolcezza che si ritrovano all’ interno. Anni fa, erano considerati troppo preziosi per poter essere mangiati e quindi usati come decorazioni alle feste.”

L’album si preannuncia, dunque, come un gustoso viaggio di scoperta nel mondo di Grand River, attraverso le sonorità rarefatte dell’ambient, il tecnicismo del sound design e il più acquatico dei paesaggi elettronici.

L’arrivo su Spazio Disponibile di “Pineapple” è la testimonianza del possibile incontro tra la ricerca musicale, nella più accademico delle accezioni, e (un certo tipo di) dancefloor: musica elettronica davvero atmosferica, musica per la mente.

In attesa di poter ascoltare l’album completo, trovate tutte le release di Spazio Disponibile qui: