− four = four

Venerdì 18 novembre andrà in scena nella Plaza Mayor del Poble Espanyol di Barcellona il primo degli otto eventi firmati Hivernacle.

Il concept Hivernacle presentato dall’organizzazione Catalana è davvero particolare: nella storica piazza della città, sorgeranno 1200 metri quadrati di spazio, all’interno dei quali saranno installati il palcoscenico, un impianto audio a 360°, i supporti visual e, soprattutto, una grande varietà di vegetazione. Il lato singolare dell’evento, che nella sua denominazione per esteso riporta “Hivernacle Pop Up Club Barcelona”, è proprio quello di ricreare un vero e proprio giardino botanico dentro ad uno dei luoghi più suggestivi della città.

Ai piedi del Montjuïc, a pochi passi da Plaza d’Espaňa, nella prima metà del secolo scorso è stato creato quello che viene descritto come un “museo a cielo aperto”, il Poble Espanyol, che racchiude i luoghi simbolo delle comunità autonome spagnole.

Questa location, è conosciuta dai clubbers di tutta Europa per essere la cornice di eventi che si svolgono sia nei club dentro al suo perimetro (dove hanno suonato moltissimi dj di fama internazionale come Len Faki, Raresh, Zip, Treatment, Nic Fanciulli, Marco Carola), sia per gli open air che portano la firma di Brunch in-Barcelona, Loud & Contact, IR e ElRow.

È doveroso anche ricordare gli spettacolari showcases andati in scena tra queste mura durante la Sónar Week, come ad esempio quelli di Afterlife, Circoloco, Get Perlonized, Trip, Detroit Love, Life and DeathA:rpia:r, Klockworks, solo per citarne una piccolissima parte.

Quello che però rende Hivernacle differente dagli altri, è proprio il concetto innovativo di creare un ambiente artificiale all’interno di un monumento, che immergerà i partecipanti in un luogo totalmente distinto da quello a cui sono abituati ad associare la parola party. Negli ultimi anni, è stato proposto agli amanti del genere un po’ di tutto: festival ad alta quota, dentro le cave, nei deserti, nelle periferie abbandonate, nei giardini, nei boschi, nei parchi industriali, in riva a fiumi, laghi e mari.

Quello che invece viene presentato adesso è uno spazio totalmente nuovo, una sorta di giardino incantato che potrebbe apparire in contrasto con l’ambiente nel quale è ospitato, ma con tutte le potenzialità per poter re-inventare le modalità di approccio al clubbing.

Per il momento, si conoscono solamente le date e gli orari dei primi quattro appuntamenti che andranno in scena nel nuovo giardino di Plaza Mayor: saranno rispettivamente due eventi notturni e due diurni. Si comincia venerdì 18 novembre, con un’edizione by night nella quale si esibiranno in un back-to-back di tre ore Gesaffelstein e The Hacker.

Prima di loro suoneranno Fairmont e lo spagnolo Javi Redondo. Il pomeriggio di domenica 26 novembre invece, l’italianissimo Dj Tennis dividerà la consolle con Damian Lazarus, Marvin & Guy e Dauwd. Mercoledì 7 dicembre, per la seconda edizione by night, Hivernacle proporrà al suo pubblico due sale differenti, la Main Room e la Prism Room, che ospiteranno lo showcase di Mosaic by Maceo.

Al mixer ci saranno Maceo Plex, Redshape live, Barnt, Boddika, Matrixxmann, Raxon e Stephan Barnem. Il 2016 del nuovo Pop Up Club di Barcellona terminerà il pomeriggio di domenica 18 dicembre; sul palcoscenico il trio francese Apollonia verrà preceduto dal dj set di Ryan Elliot e dal live di Premiesku. Aprirà le danze Rick Maia.

Con delle premesse simili non ci resta che attendere il completamento della line up di Hivernacle, per un 2017 che promette di iniziare nel migliore dei modi, dentro un giardino che profuma già di primavera.

Alessandro Carniel