+ forty two = forty four

La line up del secondo evento Hyper della stagione è di altissimo livello, con Dax J e Pfirter nella sala principale e Ansome a far vibrare la sala club con la crew di Oasi.

I ragazzi di Hyper portano a Vicenza il prossimo 17 dicembre tre artisti di enorme talento e di grande importanza del panorama Techno internazionale; dopo l’apertura con i fondatori delle label Electric Deluxe e Mord, Speedy J e Bas Mooy, infatti, Hyper non ha alcuna intenzione di abbassare il tiro o di scendere a compromessi.

Nella sala principale ad aprire la serata sarà Stephan Krus, resident dell’evento che a breve uscirà con un EP sulla Decoy Records di Rebekah. Dopo di lui sarà il turno di Pfirter, produttore e dj argentino di lunga data che può vantare uscite su CLR, Figure e Stroboscopic Artefacts. L’artista sudamericano, in un’intervista a noi di Parkett, dichiarò che la più grande soddisfazione per lui è “quella di far ballare la folla durante i miei dj set, con le mie tracce”. Non ci si può, per tanto, non aspettare un set di altissimo livello da parte di un artista così attento alle esigenze del pubblico.

Secondo ospite della “Hyper main” sarà il berlinese d’adozione Dax J, uno degli artisti più rappresentativi e di successo per quanto riguarda la scena Techno europea. L’artista nativo di Londra si contraddistingue per un sound che non è solo crudo e robusto, ma anche particolarmente trascinante e veloce; caratteristiche che troviamo nel suo ultimo EP “The Invisible Man”, uscito a inizio 2016 sulla sua etichetta Monnom Black e di cui abbiamo parlato in questo articolo.

Nel club l’ospite principale sarà l’eclettico Ansome, artista britannico con un innata passione per synth, moduli e ogni tipo di hardware che, infatti, si esibirà live come suo solito. Anche con lui abbiamo avuto l’occasione di scambiare qualche chiacchiera in passato e ad una domanda riguardo al suo modo di esibirsi, ha risposto: “Il modo in cui suono è simile al jazz improvvisato. Per la maggiore creo roba lì al momento. Questo mi permette di fare roba che mi sorprende in maniera buona o meno, ma è la spontaneità che lo rende piacevole, la connessione con la folla è più forte rispetto a qualunque dj set abbia mai fatto” (leggi qui l’intervista completa).

Ad accompagnare Ansome nella seconda sala saranno i ragazzi di Oasi con le sonorità del fondatore Alex Nilmar e dei resident Cøsmo e Polaris. Infine, nella “micro room” gireranno i dischi dei LEDbross, dei Twentyone, resident dello staff padovano BlackCode, di Phraa, da Wake, e dei dj di Nacht IGIG e Diego T.

Link all’evento ufficiale

Alberto Zannato