forty eight + = fifty seven

Un’intervista a tutto tondo per conoscere meglio Anetha, la produttrice francese che ha conquistato la scena europea

Anetha è la talentuosa produttrice che da qualche anno attira a sé tutta l’attenzione della scena europea.

Anetha ha dimostrato durante il suo percorso artistico di essere una delle figure più interessanti del panorama techno.

La sua label intitolata “Mama Told Ya” è attualmente tra le realtà discografiche più apprezzate dagli amanti della musica techno e i loro showcase sono sempre indice di buona musica e grande spettacolo.

Eclettica, ambiziosa e incredibilmente romantica. Sono questi gli aggettivi che caratterizzano Anetha, che ricordiamo essere attualmente anche dj resident del Possession, la realtà parigina che fa notizia grazie alla sua atmosfera trasgressiva e liberale.

Per saperne di più su Anetha e sul suo ultimo lavoro discografico, di cui parleremo nel dettaglio anche nell’intervista, ti consigliamo di leggere anche questo nostro articolo.

ITALIAN – ENGLISH

Ciao Anetha, per noi è un vero piacere intervistare un artista interessante come te. La tua città natale è Bordeaux ma attualmente risiedi in pianta stabile a Parigi. Quando ti sei trasferita a Parigi e perché hai scelto proprio questa città?

Ehi, piacere mio 😊 Ho deciso di trasferirmi da Bordeaux a Parigi per il mio master in architettura. Ho vissuto a Bordeaux per tutta la mia infanzia e non ho mai viaggiato troppo da adolescente.

È una bella città che offre una dolce qualità di vita, ma ricordo di aver avuto la sensazione di vivere in un bozzolo senza ostacoli reali. Era davvero necessario per me spostarmi e scoprire una nuova città per sfidare me stessa.

Ho scelto Parigi perché qui c’erano grandi scuole di architettura ed è sempre stato un sogno vivere in una capitale emblematica come Parigi.

Sapevo che questa città mi avrebbe offerto grandi opportunità nell’architettura, per farmi incontrare nuove persone e anche per farmi scoprire nuovi orizzonti nella musica, che era la mia passione fin dal primo giorno, accanto ai miei studi.

Oltre ad essere una brillante produttrice sappiamo che sei anche architetto. Hai deciso di dedicare tutta te stessa alla musica o riesci a trovare il tempo per esercitare anche la tua professione?

Ho conseguito la laurea in architettura a 24 anni, suonavo già musica e facendo serate principalmente in Francia dai miei 16 anni.

Mi sono esercitata per un anno in un’agenzia di architettura, progettando edifici la settimana e maneggiando club nei fine settimana. Era bello ma un po’estenuante – il lunedì ero come uno zombie e mi sentivo come se mi mancasse qualcosa.

Non ero molto in ritardo sui miei studi, quindi alla fine ho deciso di provare a concentrarmi solo sulla musica per alcuni mesi e a lasciare l’architettura per un momento.

All’inizio stavo facendo piccoli lavori per avere abbastanza soldi e, a poco a poco, ha funzionato! Faccio musica esclusivamente da 5 anni.

A volte mi manca l’architettura ma non mi lascia mai davvero in tutto ciò che faccio con l’etichetta o nella mia creazione: l’estetica è davvero molto importante per me!

Passare dall’architettura alla musica è stata una grande sfida, ma ora sono davvero contento di questa scelta 😊.

Attualmente sei dj resident del “Possession”, la realtà parigina che grazie ai suoi party fa notizia in tutto il mondo. Come descriveresti l’atmosfera che si percepisce durante un evento firmato “Possession”?

Parigi è una città molto cosmopolita, piena di paradossi ed effervescenza. È allo stesso tempo moderna e antica, con diversi stili di architettura e questo è qualcosa che possiamo sentire durante le feste Possession, una vera diversità.

Le persone provengono da contesti, culture, epoche diverse, genere diversi nello stesso obiettivo di festeggiare tutti insieme senza limiti. Una festa libera che abbatte i codici della nostra società che a volte pesano troppo e che mette da parte tutti i problemi della nostra vita per un momento.

Se dovessi descrivere Possession sarebbe: Wild Love 😊

Hai suonato per le realtà più in voga come il Soenda, Bassiani, gli ADE e il Berghain. Festival e club che molti dei nostri lettori sarebbero curiosi di conoscere meglio. Che differenze hai trovato per esempio tra la scena parigina e quella tedesca?

La scena della musica elettronica a Parigi sta diventando sempre più forte ogni giorno, abbiamo un pubblico sempre più “sofisticato” che ama gli stili emergenti all’avanguardia della musica elettronica.

Ecco perché amo Parigi perché è sempre stata in prima linea in tutti i tipi di arte. Mi piace questa apertura mentale che mi spinge sempre a interrogarmi sul mio lavoro e ad andare oltre.

Berlino è sempre stata il riferimento per la musica elettronica, in particolare Techno. Ricordo la prima volta che sono andato a Berlino, sono andato a Berghain ed è stata una grande rivelazione. Mi sono detto “questo è esattamente ciò che voglio fare in musica”.

Era freddo, diretto e minimalista – i fondamenti dei miei studi di architettura: «less is more».
Lo stile del tocco francese era molto popolare in Francia in questo periodo e non avevamo questo tipo di Techno in club e festival.

In questo periodo, ho trovato sicuramente più libertà e più in consonanza con Berlino che con Parigi. Ma oggi, penso che non abbiamo nulla da invidiare alla Germania.

La Francia è stata emancipata da alcuni anni, grazie al famoso club Concrete e in seguito con tutti i magazzini fuori Parigi.

Più recentemente ho avuto una grande cotta per la scena georgiana che mi ha portato una boccata d’aria fresca!

Le tue performance hanno catturato la nostra attenzione attraverso un tipo di techno che potremmo definire “romantico”. Infatti i tuoi dj set sono caratterizzati da contaminazioni trance, EBM e dischi storici degli anni 90. A tal proposito, quali artisti hanno influenzato il tuo percorso artistico?

I miei gusti si sono evoluti e continuano a cambiare ogni giorno per diventare più precisi. Ho ascoltato molta musica elettronica sin dall’inizio poiché i miei genitori sono grandi fan di questo genere musicale.

Le mie più grandi ispirazioni sono state e sono ancora: Chemical Brothers, Daft Punk, Prodigy, Le Tigre, Vive La Fête – Ero davvero appassionato di electro clash / electro rock e big beat.

Stavo ascoltando anche molta nuova ondata con i miei genitori come The Cure, Front 242, Siouxsie and the banshees, Liaisons Dangereuses, ecc.

Più tardi ho scoperto la techno che mi ispira di più oggi: una techno raffinata e moderna. Ben Klock, Steve Rachmad e DVS1 mi hanno fatto scoprire e amare questo tipo di techno.

Hai pubblicato il tuo primo EP intitolato “Ophiuchus” nel 2015, da allora sono cambiate tante cose. Adesso gestisci Mama Told Ya, la tua etichetta indipendente attraverso la quale dai spazio soprattutto ai giovani talenti e a chi ha voglia di sperimentare. Cosa ti ha spinto ad avviare un progetto discografico tutto tuo?

La mia precedente esperienza in etichetta con Blocaus è stata una grande esperienza, ma non avevo tutte le carte in mano per gestirla come volevo.

Abbiamo fatto molti compromessi per rendere tutti contenti del risultato, ma alla fine non ero completamente soddisfatto almeno dal punto di vista grafico.

Avevo molte idee e avevo bisogno di creare la mia etichetta per esprimermi al 100%. Volevo avere più libertà nel processo artistico e nella gestione dell’etichetta, fare ciò che volevo, scegliere gli artisti che mi piacevano e tenere maggiormente conto del lato grafico dell’etichetta.

Volevo anche davvero provare un nuovo modo di produrre musica, basato più sulla collaborazione.
L’ambizione dietro questa etichetta è ridefinire i limiti, confrontarsi con gli universi e i metodi di diversi artisti, incluso me, al fine di dare vita a un nuovo mezzo, pieno di diversità, intriso dell’essenza di ciascun partecipante. Condivisione come desiderio di convivialità.

Quando guardo le prime due uscite e tutte le cose in un tubo, e anche se è un duro lavoro e organizzazione, sono più che soddisfatto e contento.

Poco tempo fa abbiamo annunciato la notizia del prossimo EP in uscita su Mama Told Ya. Il disco si chiama “Body Changes Are Natural” ed è realizzato in collaborazione con Niki Istrefi e Hadone. Come descriveresti questo lavoro discografico?

La seconda uscita sull’etichetta era sicuramente un prodotto fico e interessante per la produzione, proprio come il primo con Sugar e ABSL.

Per la traccia con Hadone, abbiamo fatto tutta la creazione insieme direttamente a casa mia a Parigi. È venuto alcune volte da Bruxelles, e durante tutta la sessione abbiamo scambiato suoni e idee per la traccia.

L’altra collaborazione con Niki Istrefi è stata un modo diverso di lavorare perché non ci siamo visti durante il processo di produzione.

Quindi abbiamo fatto molto avanti e indietro per soddisfare entrambi! Sono davvero felice del risultato di tutto il disco e sono felice di aver incontrato questi grandi artisti che ora sono diventati amici.

Hai qualche progetto in cantiere di cui ti piacerebbe anticipare qualche piccolo dettaglio?

Ora sto lavorando alla terza uscita per Mama Told Ya, che sarà un po ‘diversa dalle due versioni precedenti.

Una maggiore attenzione a un solo artista questa volta tramite un LP con una traccia collaborativa con me.

Inoltre sto programmando un grande progetto per questa fine dell’anno / inizio del prossimo anno con la prima compilation di Mama told ya 😊!

Non vedo l’ora di condividere quei nuovi progetti in uscita con tutti.


ENGLISH VERSION

Parkett today has prepared an interview with Anetha for our readers. The talented producer who for some years has attracted all the attention of the European scene.

During her artistic journey, Anetha has proven to be one of the most interesting figures on the techno scene.

His label entitled “Mama Told Ya” is currently among the most appreciated record companies by lovers of techno music and their showcases are always an indication of good music and great entertainment.

Eclectic, ambitious and incredibly romantic. These are the adjectives that characterize Anetha, which we remember being currently also resident DJ of the Possession, the Parisian reality that makes news thanks to its transgressive and liberal atmosphere.

To find out more about Anetha and her latest record work, which we will also discuss in detail in the interview, we recommend that you also read our article.

INTERVIEW

1. Hi Anetha, it is a real pleasure for us to interview an interesting artist like you. Your hometown is Bordeaux but you currently live on a permanent basis in Paris. When did you move to Paris and why did you choose this city?

Hey – my pleasure too 😊 I first decided to move from Bordeaux to Paris for my master in architecture. I lived in Bordeaux all my childhood and never travelled too much as an adolescent. It’s a nice city that offers a sweet quality of life, but I remember I had the feeling to live in a cocoon without any real obstacles. It was really necessary for me to move and discover a new city in order to challenge myself.

I chose Paris because there was great architecture schools here and it have been always a dream to live in an emblematic capital such as Paris. I knew that this city was going to offer me great opportunities in architecture, to let me meet new people and also make me discover new horizons in music, which was my passion from day one, next to my studies.

2. In addition to being a brilliant producer, we know that you are also an architect. Have you decided to dedicate yourself to music or can you find time to practice your profession?

I had my architecture degree at 24, I was already playing music and doing some gigs mainly in France since my 16. I practiced one year in an architecture agency, designing buildings the week, and riding clubs the weekends. It was cool but a bit exhausting – on Mondays I was like a zombie and I felt like I was missing something. I was not very late on my studies, so I finally decided to try to focus only on music during few months and to leave out architecture for a moment. At the beginning I was doing little jobs to have enough money, and little by little, it worked! I am now doing exclusively music for 5 years. Sometimes I miss the architecture but it never really leaves me in everything I do with the label or in my creation – aesthetics is really super important to me! It was a big challenge to switch from architecture to music but now I am really happy about this choice 😊

3. You are currently resident DJ of “Possession”, the Parisian scene that thanks to its parties makes news all over the world. How would you describe the atmosphere that is perceived during an event signed “Possession”?

Paris is a very cosmopolitan city, full of paradoxes and effervescence. It is at the same time modern and old, with different styles of architectures and a This is something we can feel during the Possession parties, a real diversity. People comes from different backgrounds, cultures, different ages, gender in the same goal of partying all together without limits. A free party breaking down the codes of our society that sometimes weigh too much, and putting all the problems of our life aside for a moment. If I had to describe Possession it would be: Wild Love 😊

4. You played for the most popular scenes such as Soenda, Bassiani, ADE and Berghain. Festivals and clubs that many of our readers would be curious to learn more about. What differences did you find, for example, between the Parisian and the German scene?

The electronic music scene in Paris is getting stronger and stronger everyday, we have a more and more “sophisticated” audience liking emergent styles at the cutting edge of electronic music. That’s why I love Paris because it has always been at the forefront of all kinds of art. I like this open-mindedness that always pushes me to question myself about my work and go further.

Berlin has always been the reference for electronic music, especially Techno.
I can remember the first time I went to Berlin, I went to Berghain and it was a big revelation. I said to myself “this is exactly what I want to do in music”.
It was cold, direct and minimalist – the fundamentals of my architectural studies: « less is more ».

French touch style was super popular in France at this period and we didn’t have this kind of Techno in clubs and festivals.

At this period, I found definitely more freedom and more in consonance with Berlin than Paris. But today, I think we have nothing to envy to Germany. France has been emancipated for a few years now, thanks to the famous Concrete club and later with all the warehouses outside Paris.

More recently I had a big crush with the Georgian scene which brought me a breath of fresh air!

5. Your performances caught our attention through a type of techno that we could call “romantic”. In fact, your DJ sets are characterized by trance, EBM and iconic records from the 90s. In this regard, which artists have influenced your artistic career?

My tastes have evolved and continue to change everyday in order to become more precise. I listened a lot of electronic music since the beginning as my parents are big fans of this music style. My biggest inspirations were and still are: Chemical Brothers, Daft Punk, Prodigy, Le Tigre, Vive La Fête – I was really into electro clash / electro rock and big beat. I was listening also lots of new wave with my parents like The Cure, Front 242, Siouxsie and the banshees, Liaisons Dangereuses, etc.

It was later on that I discovered the techno that inspires me the most today – a refined and modern Techno. Ben Klock, Steve Rachmad and DVS1 made me discover and love this kind of techno.

6. You released your first EP entitled “Ophiuchus” in 2015, many things have changed since then. Now you manage Mama Told Ya, your independent label through which you give space above all to young talent and those who want to experiment. What made you want to start your own record label?

My previous label experience with Blocaus was a great experience but I did not have all the cards in hand to manage it like I wanted.

We did a lot of compromise to make everyone happy with the result, but in the end I wasn’t completely satisfied at least graphically speaking. I had a lot of ideas and I needed to create my own label to express myself 100%.

I wanted to have more liberty on the artistic process and the management of the label, to do what I wanted, pick the artists I liked, and take more into account the graphic side of the label.  I also really wanted to try a new way to produce music, based more on collaboration.

The ambition behind this label is to redefine the limits, to confront the universes and methods of different artists, including me in order to give birth to a new medium, full of diversity, imbued with the essence of each participant. Sharing as a desire of conviviality.

When I look at the first two releases and all the stuff in a pipe, and even if it’s a lot of hard work and organization, I am more than satisfied and happy about it.

7. A short time ago we announced the news of the next EP out on Mama Told Ya. The record is called “Body Changes Are Natural” and is made in collaboration with Niki Istrefi and Hadone. How would you describe the work in this EP?

The second release on the label were was definitely a cool and interesting process production wise, just like the first with Sugar ans ABSL. For the track with Hadone, we did all the creation together directly at my place in Paris.

He cames a few times from Bruxelles, and between all the session together we exchanged sounds and ideas for the track.

The other collaboration with Niki Istrefi was a different way to work as we didn’t saw each other during the process. So we did a lot of back and forth in order to satisfy both of us!

I’m really happy of the result of all the record and happy to have met these great artists who have become friends now.

8. Do you have any projects in the pipeline you would like to anticipate some small details?

I’m working now on the third release for Mama Told Ya, which is gonna be a bit different of the two previous releases. A bigger focus on just one artist this time via an LP with one collaborative track with me.

Also I’m planning a big project for this end of the year / beginning of next year with the first Mama told ya compilation 😊 ! Can’t wait to share those new exiting projects with everyone.