nine + 1 =

It’s All About The Music SL, ex promoter di Marco Carola, chiede la confisca delle proprietà e dei ricavi del dj napoletano in seguito alla disputa aperta pochi giorni fa tra Amnesia e Pacha.

Una faccenda pressoché identica a quella che ha colpito le cronache di Ibiza pochi giorni fa, scatenata dagli stessi, medesimi motivi. L’ex promoter di Marco Carola, It’s All About The Music SL, chiede a un tribunale di Ibiza la confisca preventiva dei beni del dj, in particolare delle sue proprietà e dei ricavi dalla sua professione di dj. Questo, come riporta il Diario De Ibiza, per assicurare che, in caso di condanna definitiva da parte del tribunale, Carola disponga di fondi sufficienti per soddisfare le parti in causa.

Il motivo per cui It’s All About The Music SL chiama in causa Marco Carola è lo stesso per cui pochi giorni fa ha fatto lo stesso il super club Amnesia, ovvero la rescissione da parte dell’artista partenopeo del contratto (della multa multimilionaria che rischierà Carola esibendosi al Pacha vi parlammo più approfonditamente QUI).

La causa scatenante di queste due grosse beghe e delle rescissioni dei vari contratti è, sostanzialmente, il passaggio di Marco Carola e della celebre residenza ibizenca del suo party Music On dall’Amnesia, casa di Carola per ben sette anni, al Pacha. Non è dato sapere i motivi di questo importante passaggio, ma quel che è certo è che non si tratta sicuramente di una cosa concordata tra tutte le parti e su cui erano tutti d’accordo.

Il rappresentante legale di It’s All About The Music SL ha dichiarato, sempre al Diario De Ibiza, che Marco Carola “ha violato tanto il contratto firmato con l’Amnesia, quanto quello con noi” e ha parlato di una “rottura traumatica delle relazioni” tra le parti. Nel frattempo, l’evento di apertura della stagione di Music On al Pacha previsto per questa sera continua ad essere confermato, mentre non arrivano ancora dichiarazioni ufficiali da parte di Carola, Music On o Pacha.