− four = five

L’artista poliedrico e polivalente Moby presenta la sua nuovissima etichetta “always centered at night”.

“L’obiettivo di always centered at night è fare qualcosa di inflessibile, fare musica che sia emotiva, suggestiva e potenzialmente bella. E quale uso migliore di questo strano privilegio che ho se non cercare di promuovere un’espressione creativa che abbia un’integrità intransigente?” ha dichiarato Moby, all’anagrafe Richard Melville Hall.

“always centered at night” è la nuova etichetta discografica creata da Moby, il pluripremiato cantante, cantautore, produttore, romanziere e attivista per i diritti degli animali, e  sembra proprio che ci sia un significato quasi nascosto nel DNA dell’etichetta: il grande disprezzo di Moby per quella che chiama “la nostra cultura attuale, guidata dalla paura e basata sugli algoritmi”. “Always centered at night”sarà un nuovo tipo di label che ignora e scavalca completamente quell’idea.

“C’è così tanta paura là fuori. Parlo con i miei amici che sono creativi e mi si spezza il cuore perché non si fidano più di se stessi. Sembra che l’unico criterio sia: “Posso venderlo a una società? Una società mi pagherà per farcela? Riceverò abbastanza “condivisioni” e “Mi piace”?” “Cosa è successo all’idea che l’arte e la cultura dovrebbero essere un rifugio sprezzante dal mainstream, in opposizione a questo leccapiedi, l’accomodamento del cane al mainstream? E quindi quello che ho da dire agli artisti con cui voglio lavorare è: ‘Guarda. Stiamo cercando di creare qualcosa di unico, idiosincratico e personale e la musica e i testi non hanno bisogno di spiegazioni. Possono essere oscuri, possono essere qualunque cosa tu voglia che siano.’”

Cresciuto nella periferia di New York, Moby frequenta club e negozi di dischi fin da adolescente. Il continuo ricercare, scovare, ascoltare, lo ha portato ad essere l’eclettico artista che tutti noi consociamo. “C’era qualcosa nella ricerca quasi ossessiva dei dischi dentro le cassette, quando trovavi quel raro disco che ti catturava non pensavi nemmeno di condividerlo con un miliardo di persone. La mancanza di ubiquità di allora mi è sempre sembrata preziosa. Gran parte della musica di New York che ho imparato ad amare aveva questo tipo di bellezza non convenzionale, e spero di rendere omaggio e onorare quell’idea; che la musica può essere bella, melodica, ma anche suggestiva e, a volte, stimolante”.

L’idea di possedere un’etichetta discografica virtuale, che fondamentalmente vive solo nel suo studio di registrazione, suona molto allettante per Moby. L’overhead sarebbe quasi inesistente, le connessioni sono virtuali e il modo in cui la musica esce nel mondo è digitale. Moby lo chiama: “non-imprenditorialità non corporea”. Ha inoltre dichiarato: “Potremmo, a un certo punto, fare copie fisiche della musica, come dischi in vinile e/o CD, ma l’idea principale è che un piccolo gruppo discriminante di fan appassionati, trovi la nostra musica nello stesso modo in cui trovavo grande musica in passato, cercandola davvero e scoprendola”.

“Adoro l’idea di costruire un’etichetta discografica che crei musica non per tutti. Preferirei fare e pubblicare musica speciale per dieci persone, piuttosto che onnipresente per milioni di persone. La vita è ridicolmente breve e casuale, potresti anche fare qualcosa di interessante con il tuo tempo qui.” Moby

 

Always centered at night è a tutti gli effetti un’etichetta discografica virtuale, dove le pubblicazioni sono esclusivamente digitali, ed è disponibile qui


Per maggiori informazioni segui le pagine ufficali dell’etichetta always centered at night