ninety three − ninety one =

Scompare a 94 anni Lou Ottens, ingegnere olandese responsabile dell’invenzione della cassetta a nastro (anche conosciuta come “musicassetta” o, semplicemente “cassetta”).

È morto nella giornata di sabato Lou Ottens, senza alcun dubbio una delle personalità più importanti della storia della musica per l’impatto avuto sull’evoluzione dei supporti di riproduzione fisici.

Non solo l’ingegnere e inventore olandese è considerato il principale responsabile dello sviluppo della cassetta a nastro, ma giocò un ruolo fondamentale nell’invenzione del più moderno Compact Disc.

Ottens, olandese classe 1926, si interessò fin dalla tenerissima età alla tecnologia. In seguito al conseguimento della laurea in ingegneria nel 1952, entrò subito nell’azienda che gli permetterà di avere una carriera estremamente impattante: Philips.

Nel 1960 diventò capo del nuovo dipartimento di sviluppo del prodotto ad Hasselt, in Belgio, e tre anni dopo venne presentata da Philips la cassetta a nastro, che nella storia verrà venduta in circa 100 miliardi di pezzi, principalmente grazie alla compattezza che la distingueva da tutti i formati precedenti.

Sedici anni più tardi, nel 1979, Ottens ebbe l’intuizione che portò allo sviluppo del moderno Compact Disc, avvenuto grazie all’unione della forze di Philips e Sony / CBS. Al tempo Ottens era direttore del dipartimento audio del gruppo olandese.

Se, in sunto, è vero che non si può considerare il recentemente scomparso Lou Ottens un inventore, in quanto sia la musicassetta, sia il CD sono tecnicamente invenzioni di Philips, Ottens rimane il principale responsabile dietro ai due supporti fisici che hanno avuto di gran lunga più successo nella storia della musica, colui che diede il via allo sviluppo di due prodotti game-changer per quanto riguarda il settore.