thirty three − = 28

Alla Robert and Mary Ann Bury Community Gallery di Detroit è attualmente in corso una mostra fotografica che celebra i 20 anni del Movement Festival, la ‘2000/2020: Celebrating 20 Years of the Electronic Music Festival in Detroit’.

Detroit, Michigan, Stati Uniti – sono venti anni che gli amanti della musica elettronica si riversano per le strade della città durante il fine settimana del Memorial Day in una sorta di pellegrinaggio che ha il suo termine in Hart Plaza, sito in cui da sempre si svolge il Movement Festival.

Quest’anno però, causa Covid-19, l’evento non ha avuto luogo ma è stato sostituito, come in molti altri casi, da uno streaming online, il Movement At Home. Certo, non è la stessa cosa ma ci siamo dovuti adeguare. A mantenere però l’interesse e il coinvolgimento attivo dei fan ci sta pensando una mostra fotografica inaugurata da poco a cura di Rita Sayegh e Tim Price, esperti di musica elettronica e Detroit Techno.

La mostra ripercorre i due decenni di vita del festival, dalla fondazione dell’evento nel 2000 che si chiamava Detroit Electronic Music Festival (DEMF) ed era ancora gratuito, passando per il 2005 quando prese il nome di Fuse-In, fino a giorni più recenti dove è conosciuto come Movement Electronic Music Festival. Anni e periodi in cui si sono susseguiti direttori e produttori completamente diversi e distinti ma che non hanno mai cambiato lo spirito.

Proprio quest’ultimo, lo spirito del Movement, è l’oggetto della mostra. Infatti secondo i curatori la fotografia in mostra “cattura tutta la gioia dei famosi festival di Detroit concentrandosi sulle persone che rendono gli eventi così speciali“.

Anche perché oltre agli scatti professionali che illustrano tutte le forme dell’esperienza del festival ci sarà anche un muro vivente composto dalle foto dei fun, con tanto di nome in menzione, che si possono inviare all’indirizzo di posta elettronica dei responsabili (maggiori info QUI) tra qui figura Tracy Irwin che dice:

“Volevamo davvero raccontare questa storia dal punto di vista delle persone che rendono i festival di Detroit così dinamici. Dalle foto dei fan a un’esposizione che offre ai visitatori una visione di quello che succede nel backstage , questa mostra sarà molto divertente per chiunque ami la musica o il festival.”

Ci sono inoltre anche buone notizie per l’edizione di maggio 2021, con i primi nomi della lineup confermati tra i quali spiccano Richie Hawtin e Carl Craig. Restiamo sintonizzati!

movement