thirty two + = forty two

Al One Night Records di Londra al via a ottobre la serie di eventi covid safe Lockdown Town.

Segretissima la location per il Lockdown Town, un’iniziativa portata avanti dal One Night Records. La nuova realtà musicale, che nasce a Londra, ha annunciato una serie di incontri che prevedono una vera e propria full immersion nella musica e che si terranno nei pressi del London Bridge a partire dal 2 ottobre. Si tratta del primo evento interamente concepito sulla base delle linee guida sul distanziamento sociale.

L’idea è quella di proporre, in un ambiente di assoluta sicurezza, performance musicali dei migliori artisti e di talenti emergenti londinesi. Tutto è accuratamente pensato intorno alla musica, come anche il contesto, che sarà costruito a tema, con stanze e corridoi che ripercorrono generi ed epoche musicali diversi. La line-up varierà ogni sera, offrendo così un repertorio sempre disparato: si potrà ascoltare dai brani più belli di sempre a produzioni proprie dei musicisti.

La One Night Records promette quindi al suo pubblico un’esperienza unica e la possibilità di passare una notte in compagnia di familiari o amici assaporando di nuovo il brivido e l’energia della musica live. Un viaggio musicale che inizia con il Rock and Roll che incendiava i vicoli negli anni ’50 andando ancora indietro nel tempo, fino agli anni 20’.

“Gli ospiti potranno vedere il diavolo danzare alle crocevia, perdersi nel Jazz Tradizionale, divertirsi con un po’ di musica Country o Western per poi scatenarsi a ritmo di Blues, fino ad arrivare al Ragtime e al periodo dell’influenza spagnola.”

Per rendere quest’esperienza sicura, si potrà partecipare in gruppi di massimo quattro persone e si accederà ad orari diversi in modo da garantire il distanziamento sociale. La capacità del locale è stata diminuita del 30% per consentire più spazio per gli ospiti. Ciascun gruppo avrà infatti circa diciotto metri quadri per sé in ogni ambiente che visiterà durante lo show. Anche cibo e drink dovranno essere pre-ordinati, visto che non esisterà un’area bar comune. Tra le altre misure dovrà naturalmente essere indossata le mascherina mentre i locali saranno sanificati ogni giorno, prima e dopo l’evento.

La storia ci insegna quanto la musica sia una gran punto di forza, con la sua capacità di unire le persone ed aiutare a superare i momenti di crisi, attraversando culture e società diverse. Lockdown Town ci ricorda proprio questo, facendoci immergere nel passato e ripercorrendo le varie tappe musicali. Cosi il One Night Records dimostra come il mondo della musica non si arrenda alle regole imposte dal Covid ed è in grado di trovare nuove soluzioni e modi essere per adeguarsi a questo moderno futuro.