twenty seven − = 20

A metà Settembre era rimbalzato sul web un rumour riguardante l’intenzione, da parte di Ricardo Urgell, di vendere il brand Pacha, una delle colonne della nightlife ibizenca da lui stesso fondato, e tutti i progetti a lui connesso.

Lo stesso Urgell in alcune dichiarazioni diceva che il brand Pacha non era più in grado di affrontare la concorrenza del gruppo Ushuaia, che come sappiamo nel 2017 prenderà il controllo dell’ormai ex Space Ibiza (tutti i dettagli qui).

Come riportano molte fonti, tra cui Mixmag e Resident Advisor, sembra ormai questione di ore prima che la vendita sia resa ufficiale, e come rilasciato dallo stesso Urgell a Diario de Ibiza la volontà dello stesso è quella di far si che l’isla continui a crescere, grazie a nuovi investimenti e progetti, affinchè non si perda la magia e il ruolo che ha ricoperto negli anni addietro. Resta ancora sconosciuto il nome del nuovo acquirente, mentre la cifra di vendita dell’intero brand Pacha si aggira intorno ai 350 milioni di euro.

Riguardo al futuro di Ibiza, l’attuale patron del gruppo Pacha dice che “Ci sono zone che ormai difficilmente potranno essere recuperate e riportate alla loro originalità, la musica va mantenuta in alcune zone, non si può stravolgere ogni zona dell’isola secondo la musica”.

Quando si è parlato dei recenti controlli che hanno visto coinvolti Amnesia, Ushuaia e lo stesso Pacha, Urgell ha confermato come i conti del club fossero in regola con le norme legislative e perfettamente trasparenti.

Infine, parlando del suo futuro, ha ammesso di come stia lavorando a molti progetti, tra cui nuovi alberghi e un nuovo locale a Cuba.

Continua quindi, dopo la chiusura dello Space, la rivoluzione di Ibiza, attraverso il passaggio di consegne di un’altra delle colonne portanti della scena musicale dell’isola spagnola.

Franco Amadio