four + 1 =

Oggi presentiamo “Olympic Era”, il secondo EP di Pyramidal Decode per la DEAD CERT. Records, proprietà di Jack!Who? (e non è una domanda). Ascoltiamo in anteprima “MF1″.

Nato e cresciuto in Italia, Francesco De Marzo alias Pyramidal Decode, a poco a poco si sta prendendo la scena techno che gli compete continuando a sfornare tracce di una certa qualità su etichette di un certo spessore.

Lo abbiamo già visto protagonista sulla Dynamic Reflection di Abstract Division, sulla Devotion di Fernanda Martins, ha pubblicato su TMMR di Vegim, su Subsist e anche sulla Edit Select Records. Oggi invece vi proponiamo uno dei suoi ultimi lavori (il secondo per l’appunto) per un’altra grande label: la DEAD CERT. Records proprietà di Iain James Kirk, meglio conosciuto come Jack!Who?, ideatore anche del progetto Death Techno (deathtechno.com)

“Olympic Era” EP – Pyramidal Decode
Pyramidal Decode
Tracklist
01. MF1
02. Opposite
03. Function A
04. Knife

Label: DEAD CERT. Records
Artista: Pyramidal Decode
Titolo: Olympic Era
Data di rilascio: 13 Novembre 2021
Formato: Digitale
CAT#: DEADCERT058

“MF1” apre l’EP con una techno grintosa dalla spinta funk che ci trascina nelle profondità del suono grazie a sfumature dub e un groove molto underground. Segue poi “Opposite”, che ci ammalia con toni ipnotici e ci entusiasma con percussioni dal gusto analogico. La terza traccia “Function A”, invece, non vuole nient’altro che il dominio della pista da ballo grazie alla minacciosa potenza del ritmo dei tamburi. Infine l’EP si chiude con “Knife” che sfoggia una melodia magistrale e malinconica supportata da bassi crudi e vigorosi che tengono alta la tensione.

Ascoltiamo insieme, in anteprima “MF1″.

La musica di Pyramidal Decode è difficilmente iscrivibile a un determinato genere; spazia tra la techno ambient e l’hard industrial con influenze dub e atmosfere gotiche. Un viaggio ansiogeno ma allo stesso tempo anche calmante. Tutti ottimi ingredienti per attirare l’attenzione della DEAD CERT. Records che ha fatto della ‘Qualità sulla quantità’ il suo mantra.