sixteen + = twenty two

Uscito da qualche giorno con un nuovo EP rilasciato sulla label polacca Pets Recordings, il prossimo 11 di febbraio 2017 Roberto Clementi sarà in console al Tresor di Berlino.

Rilasciato il 13 di gennaio l’ultimo progetto dal titolo “Avesys EP” su Pets Recordings, etichetta polacca di proprietà di Catz ‘n Dogz (Grzegorz Demiañczuk e Wojciech Tarañczuk), Roberto Clementi sarà in console al Tresor di Berlino insieme a Skudge (ascolta il full stream di Balancing Point QUI), Sascha Rydell e Stojche. Ospite nella sala Globus di quello che è considerato da sempre come uno dei principali teatri della techno mondiale, nell’altra console del Tresor si alterneranno Yan Cook, Heiko Laux, Nihad Tule e Sebastian Bayne.

Il prolifico produttore italiano e DJ resident dell’Harmonized, club a Porto Sant’Elpidio (FM) che da parecchio tempo vanta una programmazione artistica da essere considerato uno dei migliori d’Italia, oltre che essere inserito nella scena techno internazionale da parecchi anni, vanta produzioni e collaborazioni su etichette come Soma Quality Recordings (iniziata nel 2012 con N Light), Echocord , Hypercolour, Kontra, On Edge Society, Steadfast Records di Brendon Moeller e molte altre. Considerato tra i migliori DJ dai nostri lettori nel 2015, è stato il protagonista anche del nostro Evolved Podcast 005.

Le tracce presenti in Avesys EP racchiudono tutti gli elementi armonici e ritmici per essere inserito nella gamma della Space Music, con sonorità eteree e meditative i tre brani ci spingono nell’universo dell’esplorazione musilace, qualità naturale che Roberto Clementi riesce a far emergere in tutte le sue produzioni e in tutti i suoi DJ set.

Ascolta la preview di “Avesys EP” qui:

Sabato 11 febbraio 2017 – Tresor Berlino

Full Line Up:

Globus:
Live: Skudge (Skudge Records)
Sascha Rydell (Fachwerk)
Roberto Clementi (Soma, Echochord)
Stojche (Tangible Assets)

Tresor:
Live: Yan Cook (Silent Steps/ Selsin)
Heiko Laux (Kanzleramt, Ovum)
Nihad Tule (Sloboda)
Sebastian Bayne (IF? Records)

 

Stefano Grossi