− seven = 1

Il processo meditativo e sperimentale di Surgeon prosegue consegnandoci il secondo volume di “Electronic Recordings From Maui Jungle”, un progetto registrato nella giungla delle Hawaii e rilasciato su Editions Mego.

L’interessante lavoro è pubblicato con il vero nome di Surgeon: Anthony Child, e prende vita a gennaio 2015 a Haiku-Pauwela.

L’opera è una sorta di studio dove l’artista inglese mette da parte tutte le produzioni prettamente techno per lasciare spazio all’interiorità meditativa che si sviluppa intorno all’utilizzo di sintetizzatori modulari, miscelata con l’improvvisazione di utilizzare suoni che nascono all’interno di quest’ambiente molto speciale.

L’etichetta stessa afferma infatti che anche tutte le basi ambientali presenti nel secondo volume sono un insieme di rumori registrati e messi in gioco con l’abilità creativa di Surgeon. I suoni della jungla vengono disgregati, rielaborati e assemblati in tracce tanto ipnotiche quanto dinamiche.

Come per Electronic Recordings From Maui Jungle vol. 1 è stato utilizzato un Music Easel della Buchla (Buchla Electronic Music Instruments), sintetizzatore analogico monofonico concepito nel 1974 e ripresentato in commercio nel 2012 come apparecchio onnicomprensivo per la produzione di musica elettronica “in movimento”. Strumento dotato di tutto quello che gli standar costruttivi della casa produttrice ritengono necessario per creare un segnale elettronico espressivo e funzionale.

L’aspetto creativo, introspettivo e di crescita professionale che Surgeon sta attraversando viene confermata da questa nuova forma musicale. Dalle produzioni prettamente dancefloor, si riaggancia alla passione per la musica più sperimentale che da sempre lo ha appassionato. Come dimostra l’album dark ambient e drone “Guitar Treatments“, creato in collaborazione con Andrew Read e uscito su “K2 O Records” nel 2002.

Ascolta “Amore”, il primo estratto di Electronic Recordings From Maui Jungle vol. 2

Stefano Grossi