fifty four − fifty =

Jazz, Techno e anima da discoteca si fondono in un linguaggio unico e globale. L’ultima release di Theo Parrish  arriva direttamente dal Plastic People di Londra.

Theo Parrish ha pubblicato il suo ultimo set al Plastic People di Londra, sua storica residenza da quasi 10 anni. Il dj di origini americane, fondatore dell’etichetta Sound Signature che ha segnato la sua residenza nello storico club con fantastici show all-night long, ha appena annunciato una release di tre dischi inediti suonati durante l’ultimo live. L’uscita si chiamerà “Thanks To Plastic”, proprio a celebrare le fantastiche notti passate nel club londinese che purtroppo ha chiuso i battenti nel 2015.

memories-plastic-people

Teatro di party memorabili soprattutto grazie al suo speciale soundsystem; è stato il primo club in assoluto,infatti, a montare il Funktion-One, programmato e settato appositamente per lo spazio: un dancefloor minimale e buio in uno scantinato di Shoreditch, area di Londra ai confini del London Borough of Hackney. “Di solito l’avventore medio si ritagliava un angolino buio in cui stare fisso tutta la sera a godersi la musica, cosa non difficile visto che il posto era buio pesto” racconta Plastician in un’intervista sui ricordi del locale per Noisey.

Tutto questo e molto altro ha contribuito a rendere epici gli show di Parrish, ricordati da tutti per il modo eclettico in cui miscela senza esclusione di colpi stili diversi in set ipnotici e carichi di emozioni.

L’interpretazione della musica di Theo mi ha insegnato davvero a suonare” racconta Floating Points, resident del Plastic insieme a James Blake, Four Tet, Carl Craig, lo stesso Parrish e molti altri nomi illustri che hanno fatto la storia del club, in un’intervista per il Guardian. “La capacità di fondere l’anima Jazz con il mood da discoteca e la Techno più particolare, in un linguaggio unico e globale, è da sempre la sua specialità (di Theo Parrish, ndr)

Il Disco è già disponibile in formato CD e contiene una collaborazione con Gentrified Love Part 4.

memories-of-plastic-people

Giovanni De Feo