thirty seven − = 31

La prossima edizione di Umbria Jazz 2017 vedrà come ospite d’eccezione il quartetto tedesco, che si esibirà all’evento storicamente dedicato al Jazz, ma che apre le porte a contaminazioni.

Umbria Jazz 2017 è probabilmente un nome che non ci si aspetterebbe di trovare sulle pagine di Parkett. Non per ostilità, assolutamente, ma piuttosto per ovvie distanze di genere musicale. Eppure, quest’anno ci sarà qualcosa che unirà due mondi. Il Jazz, con la sua complessissima teoria e i suoi virtuosismi che sfidano ogni legge del ritmo, apre le porte alla musica elettronica, con la sua cadenza inconfondibile che invita i corpi a muoversi e con il suo piglio avanguardistico.

Questo connubio insolito e felice assomiglia ad un incontro di religioni apparentemente in conflitto, ma che nella storia della musica hanno saputo anche incontrarsi.

In passato, c’è stato un momento in cui il Jazz ha abdicato la sua posizione di musica mainstream in favore di una full immersion nella sperimentazione, spostandosi verso nuovi generi. In parte è confluito nella Fusion (l’Herbie Hancock di “Mr.Hands”, per dirne uno; oppure il Miles Davis di “Doo Bop”, per un esempio più easy-listening), in parte si è dato a sperimentazioni molto cerebrali e di difficile fruizione, come il Free Jazz del grandissimo John Coltrane. Uno dei primi e più espliciti incontri tra Jazz e suoni elettronici è avvenuto con l’ “alieno” Sun Ra e la sua Arkestra, tra i primi ad impiegare nel Jazz sintetizzatori come lo Yamaha DX7 e il MiniMoog. Da lì si è arrivati attraverso varie metamorfosi alle sperimentazioni di oggi, in cui i due generi, anti-conservatori per definizione, hanno trovato e sviluppato sempre più punti di contatto, pur rimanendo nell’ambito di formulazioni particolarmente sperimentali.

Quest’estate, nella cornice dell’Umbria Jazz 2017, ormai un classico nella città di Perugia, si celebra proprio questo incontro, con un’esibizione dei Kraftwerk che segnerà l’unico passaggio estivo del quartetto tedesco in Italia di quest’anno.

umbria jazz 2017

L’evento prevede una serie di seminari e di concerti programmati per la settimana che va dal 7 al 16 luglio. I Kraftwerk apriranno l’edizione 2017 con il loro nuovo spettacolo 3D, per cui la data prevista è quella del 7 luglio.

Un esempio del loro spettacolo è già stato documentato, in quanto il gruppo sta portando in giro per il mondo il “3D concert” già da qualche anno, modellandolo progressivamente. Eccovi una piccola anteprima: