seventy seven + = eighty six

La multinazionale giapponese ha stretto un nuovo accordo con il fondatore di Off – White che porterà Cdj e Mixer al Chicago Museum of Modern Art.

Avevamo già parlato di Virgil Abloh in occasione di una sua collaborazione con Ricardo Villalobos,  artista con cui ha remixato una traccia prodotta dal duo Tiga & The Martinez Brothers.

Sono numerose le opere realizzate con grosse multinazionali che testimoniano la sua versatilità, basti pensare che quest’anno lancerà una nuova linea d’arredamento con Ikea. Sono note a tutti inoltre, le sue produzioni per grossi marchi nel mondo della moda.

A quanto pare però, il fondatore di Off-White e direttore artistico di Louis Vuitton, già dj internazionale, non intende fermarsi e lascia un’altra importante firma grazie all’accordo con Pioneer.

Il frutto della collaborazione fra la multinazionale con sede a Tokyo ed il rivoluzionario fashion designer consiste nella realizzazione delle versioni Skeleton dei CDJ e Mixer di ultima generazione targati Pioneer Dj.

Parliamo infatti delle versioni trasparenti dei CDJ 2000 Nexus2 e del mixer DJM 900 Nexus2. Le opere saranno esposte dal 10 giugno al 22 settembre nel museo di arte contemporanea di Chicago, città natale di Virgil Abloh per festeggiare la prima mostra dell’artista, chiamata Figure of Speech.

“Miravo a progettare una versione dei modelli classici trasparente e non etichettata per ispirare un suono diverso durante il Djing – e forse un nuovo modo per la tecnologia musicale e l’interazione umana per eguagliare un risultato diverso. “

Queste le parole di Abloh in merito a questa collaborazione che sembra non fermarsi al modello traslucido, tendente all’arcobaleno presentato fin qui.

Infatti spulciando i profili Instagram di Benji B e Gilles Peterson, possiamo notare alcune foto in cui vediamo una versione di un mixer opaco in cui il designer è stato taggato. Ad oggi non sono presenti ulteriori dettagli.

View this post on Instagram

Figuring out where the Spiral is….

A post shared by Gilles Peterson (@gillespeterson) on

Continua quindi, la fusione fra musica e arte di cui Virgil Abloh è uno dei fautori principali dell’ultimo periodo.

Alberto Romano