+ 44 = forty seven

Yoyaku, roster di assoluta eccellenza nel panorama parigino, ha annunciato l’inaugurazione della nuova location eventi Vault.

Yoyaku è una realtà che a Parigi fa senza dubbio la differenza. L’ha fatta dal primo momento in cui ha compiuto la scelta coraggiosa di staccarsi dal filone french touch e tutta quella cultura musicale elettronica francese, per percorrere una strada che incrocia minimal e deep house in maniera originale ed innovativa.

Ridefinendo i canoni di quel sound microhouse che troppo spesso è decodificato nella cosìdetta ro-minimal e riconosciuto su larga scala dentro quei canoni. Una trappola a cui il roster parigino ha saputo sfuggire offrendo una proposta alternativa.

Yoyaku ha avuto la sua da dire sin dal principio e continua a crescere e a trovare nella sua identità artistica nuovi aspetti su cui svilupparsi.

Avevamo annunciato solo a dicembre l’apertura dello store digitale AZE. Aze è infatti il primo digital store francese di questa portata con una così vasta gamma di selezione musicale. Ma Yoyaku non smette di stupire. Anche grazie all’approccio multidisciplinare e allo sviluppo dello spazio creativo Chapelle XIV , una galleria dove musica e arte trovano spazio e modo di coltivare connessioni rompendo i canonici codici di rappresentazione.

Oggi, con la ripresa delle performance live post pandemia , Yoyaku ha definito la sua programmazione di eventi. Era dunque necessario trovare una nuova location che incarni lo spirito della label e record store parigino.

Dopo il successo dell’evento nel cuore di Saint Denis alla Centrale 93, che ha raccolto in 4 mesi più o meno 25000 clubber, è diventata necessaria l’esigenza di trovare una nuova “casa” per Yoyaku.

La nuova location si chiama Vault ed include uno spazio collocato nel quartiere de Le Bourget, a pochi passi da Gare du Nord. Uno spazio interno di 2000 mq ed uno esterno di ben 4000 mq che permetterà una diversificazione della proposta offerta.

Lo spazio inoltre diventerà un hub creativo, a disposizione degli appassionati e degli artisti, in cui svolgere attività disparate che possano facilitare la connessione e la socialità. Uno spazio ibrido che possa essere vissuto dal giorno alla notte.

La programmazione vedrà per l’estate due eventi al mese, e si intensificherà da settembre in poi.

I nomi degli artisti che suoneranno in queste serate coinvolge ovviamente dei colossi del roster parigino tra cui Audio Werner, Cabanne, Janeret, Lamache, Lowris e Roger Gerressen, affiancati da nomi del calibro di Craig Richards, Fumiya Tanaka, Satoshi Tomie e Vera giusto per citarne alcuni tra i tanti.

I dj set saranno arricchiti con una cura importante ad aspetti scenografici e performativi. Con l’aiuto del Vjing e del mapping, per rendere l’esperienza musicale ancora più coinvolgente ed immergente. Anche in questi caso Yoyaku potrà avvalersi di collaborazioni con artisti ed esperti più celebri di Parigi e dei dintorni.

Benjamin Belaga ha presentato questa nuova avventura in maniera entusiasmante e siamo convinti che questa nuova location sarà un ulteriore tassello nella costruzione e nella crescita di una realtà che rappresenta un’oasi felice in cui musica e arte rimangono assolute protagoniste.