sixteen − fifteen =

Da etichetta a negozio di dischi, oggi anche Digital Store grazie a AZE, la nuova piattaforma curata da Yoyaku Records.

“Uscire da una dimensione solo ristretta, solo elitaria per pochi soggetti, ma allargare gli orizzonti ad un pubblico più vasto”,

queste sono state le parole di Benjamin Belaga, fondatore di Yoyaku Record Store di Parigi.

La musica elettronica fa da padrona, in quanto la selezione dei dischi venduti sulla piattaforma online Aze è completamente curata dalla stessa etichetta fondatrice del sito. Techno, Minimal, House e Dub sono i generi che si possono incontrare più spesso, con quattromila tracce caricate online il 9 Dicembre, la pagina ha già la sua raccolta interessante che permette ad un possibile acquirente di poter spendere qualche ora incollato davanti lo schermo.

Il sito, ben curato ed essenziale, offre una piacevole interfaccia con una sezione dedicata alle “Esclusive” e una zona dove poter scegliere tra le varie “Label”, che lo stesso Belaga ha dichiarato di voler “importare circa 30 nuove etichette ogni mese, con una selezione dai loro cataloghi “. 

Yoyaku è un punto di riferimento per il panorama mondiale della musica elettronica, nota agenzia di distribuzione, etichetta discografica e negozio di dischi, costituisce un faro nell’Europa “che balla”. Ma perché espandersi al mondo del digitale? Quando la richiesta della versione online delle tracce iniziava ad essere notevole, e considerata la posizione di grande rilevanza nel mondo delle etichette, il Team di Yoyaku ha preso l’iniziativa e dato vita ad AZE. Un vero e proprio primato raggiunto in Francia, in quanto non esisteva ancora un vero e rappresentativo “digital store” della loro scena.

Vinile o Digitale? Questa è la domanda che si pone ogni “beginner” che inizia ad appassionarsi al mondo della musica. Se Yoyaku ha sempre soddisfatto il primo campo con una ricercatezza sopraffina, con AZE hanno posto il focus sul secondo. L’obiettivo era esattamente questo, avvicinare il novello collezionista ad una scelta che facilitasse il processo, godere del profumo del disco fisico e poter concentrarsi sulla ricerca worldwide attraverso un digital store.