20 − fifteen =

“Cornucopia” sarà il nuovo spettacolo che vedrà protagonista Björk la prossima primavera al nuovo centro culturale The Shed di Manhattan a New York.

Björk torna a far parlare di sé con “Cornucopia“, il suo personale live show che sarà presentato al The Shed, conosciuto anche come Culture Shed e Hudson Yards Cultural Shed. The Shed è un centro culturale indipendente e multietnico in costruzione sul lato ovest di Manhattan, a New York, all’interno dell’Hudson Yards. La sua apertura è prevista per la prossima primavera, e ad inaugurarne la stagione, ad esibirsi sul palco ci sarà proprio l’eclettica artista islandese.

A dirigere il progetto sarà il regista John Tiffany, vincitore del Tony Award (L’Antoinette Perry Award for Excellence in Theatre), mentre Chloe Lamford e Tobias Gremmler si occuperanno della scenografia e della parte di Digital Design. A dare la notizia è stata la stessa Björk con un comunicato rilasciato il 12 di novembre via Twitter.

“I am very excited to announce that i will be part of @theshedny opening season in manhattan next spring. this winter i will prepare my most elaborate stage concert yet, where the acoustic and digital will shake hands, encouraged by a bespoke team of collaborators.
warmth, björk”

A condividere il palco insieme alla pionieristica artista ci saranno Berglind María Tómasdóttir, Melkorka Ólafsdóttir, Áshildur Haraldsdóttir, Þuríður Jónsdóttir, Steinunn Vala Pálsdóttir, Björg Brjánsdóttir, Emilía Rós Sigfúsdóttir, Katie Buckley (arpa), Manu Delago, (alle percussioni) e Bergur Þórisson.

Le date precise di “Cornucopia“, nome che risale alla mitologia Greca e che identifica il corno perduto dal fiume Acheloo nella lotta con Ercole e riempito dalle Naiadi di fiori come simbolo dell’abbondanza, non sono ancora state annunciate. Come non è stato rilasciato nessun dettaglio sullo show, e informazioni sulla vendita dei biglietti. Maggiori dettagli dovrebbero arrivare entro la fine dell’anno. L’unico particolare trapelato in merito è che i membri di The Shed (Shed Movers) vogliono avere accesso anticipato alle prevendite, e che la quota associativa di 10 dollari andrà a sostenere gli artisti locali.