twelve + = sixteen

Cristoph, in occasione della sua performance al Tomorrowland e dell’uscita del suo nuovo singolo in collaborazione con Ross Quinn, si racconta ai microfoni di Parkett.

Cristoph è il nostro ospite di oggi su Parkett. Un’artista che riesce a equilibrare in maniera perfetta la sua libertà artistica e la capacità di coinvolgere un pubblico trasversale e variegato. La mente creativa del dj inglese è riuscita ad alternare nel suo percorso artistico hit riempi pista come “Breathe”, un successo con numeri da capogiro in tutte le piattaforme streaming, ma anche dj set musicalmente eclettici.

La liason artistica con il dj svedese Eric Prydz, non ha fatto altro che consolidare la potenza e la forza che il disc jockey di Newcastle ha costruito nel corso degli anni. Cristoph ha una sensibilità incredibile, una velata malinconia che riesce a trasformare in note emozionanti e toccanti. Una nuova visione di progressive house, che naviga in una terra di mezzo tutt’altro che statica e limitata.

In occasione della sua residence al Freedom Stage del Tomorrowland e della recente uscita del suo ultimo lavoro discografico “Turning Away” per la sua label Consequence of Society, una track trascinante che affonda le sue radici nella progressive house 2000 reiventandola in una chiave emozionale, Cristoph si è concesso una lunga e sincera chiacchierata  con noi di Parkett. Buona lettura!

Ciao Cristoph, è un piacere poter parlare con te. Vorrei iniziare chiedendoti come sta andando l’esperienza qui al Tomorrowland, al fianco di Eric Prydz e che emozioni provi a suonare su un tale palcoscenico e com’è l’atmosfera che si respira all’interno del Festival?

È un piacere parlare anche con te. Tomorrowland è un’esperienza straordinaria. Ogni anno suono, e quest’anno non è stato diverso. Essere coinvolti in tutti e 3 fine settimana è stato davvero un onore. Il Freedom Stage era assolutamente enorme e la prima settimana è stato molto travolgente vederne le dimensioni che ha fatto, solo
i miei nervi peggiorano (.nrd). Questa settimana sono un po’ più rilassato così ho potuto assorbire tutto molto di più. Ovviamente ero estremamente entusiasta di partecipare anche a un evento del genere. Vedere lo spettacolo HOLO è stato un anche un vero bonus.

Sei nato a Newcastle, una città a cui sei molto legato e che ha una grande scena elettronica. Com’è l’attuale scena a Newcastle? E pensi che nascere in un posto che è lontano da Londra, ma comunque stimolante, in un’epoca come la nostra, dove tutto succede online, può essere limitante? Lo era per te all’inizio della tua carriera?

La scena a Newcastle sta crescendo molto bene in questo momento. Ci sono già stati dei grandi talenti che sono esplosi sulla scena mondiale da queste parti come Patrick Topping, Richy Ahmed e Man Power. Poi ci sono altri talenti emergenti come Artche, Adz e Ladebare. Io sono davvero orgoglioso di tutti coloro che stanno seguendo il loro sogno e stanno mettendo sulla città la mappa del mondo, soprattutto da quando le notti come lo Shindig sono rallentate. La città stessa è diventata più orientata agli studenti. Io non l’ho mai trovato limitante stare o vivere a Newcastle e ancora non lo considero tale, a parte il viaggio: è ancora un incubo andare e venire! Ho appena provato a  lasciare che la mia musica parli e pensare che sia probabilmente la migliore formula, non importa da dove vieni.

La tua musica tocca corde emotive molto intime e ha una sorta di naturale malinconia. Qual è il rapporto che hai tra la tua interiorità e la vita pubblica, e quanto è difficile rappresentare questo concetto in musica? Implica forse rivivere momenti negativi, o assume una funzione liberatoria?

Il mio umore ha una grande influenza sulla musica che scrivo. Quando scrivo più scuro no tracce più emotive, tendo ad attingere alle esperienze passate. Le trovo anche in me stesso, catturo influenze da alcuni programmi televisivi e film, in particolare quelle scene davvero intense. Trovo che scrivere musica sia molto liberatorio perché io riesco ad esprimere molte delle mie emozioni in questo modo.

Vorrei parlare un momento di “Breathe”, una traccia che attualmente conta 88 milioni di stream su Spotify. Numeri incredibili Cristoph,te li aspettavi? E soprattutto dopo un successo così importante hai mai sentito la pressione di doverlo replicare?

Il successo di “Breathe” mi ha davvero colto di sorpresa. Sono davvero onorato di poter far parte di un record così famoso. Quando ci siamo seduti per scriverlo c’era una sorta di sensazione che sarebbe potuto diventare un po’ più mainstream dei precedente brani che ho prodotto, ma mai, nei miei sogni più sfrenati, ho pensato che sarebbe successo di registrare 88 milioni di stream. La voce di Jem è incredibile e ovviamente dona un enorme aiuto. Dopo non ho mai sentito la pressione di replicarlo. Noi non ci siamo seduti con il pensiero del “scriviamo una hit”, è successo e basta. Forse se avessi inseguito scrivendo quello stile di musica, sentirei più pressione, ma mi piace semplicemente comporre quello che provo quel giorno in studio.

“Turning Away” è la nuova collaborazione con Ross Quinn. Appena ho ascoltato la track, ho pensato che potesse rappresentare un ulteriore passo avanti nella reale evoluzione del concetto di house progressive, che in un certo senso tocca la techno melodica. Com’ è nata questa traccia e secondo te la tua musica è ora totalmente libera da qualsiasi barriera di genere (o lo è sempre stata)?

La collaborazione con Ross è stata organizzata in maniera semplice, per essere onesti. Sono un fan della sua voce da un po’ di tempo ormai, quindi le ho mandato un messaggio su Instagram durante il lockdown e le ho chiesto se volesse scrivere una parte vocal  per un’idea che avevo. L’ha fatto, quindi siamo partiti da lì. Una volta revocato il lockdown, ho sentito il disco e  avevo bisogno che entrasse di più nel mio mondo, quindi ho scritto alcune nuove versioni per farlo suonare per i locali più grandi e più industriali per i quali ero stato bookato.
Sto solo cercando di fare le mie cose nel mondo della musica e l’ho sempre fatto. Amo davvero le tracce con energia e trasporto, ma sono anche un vero fan di melodie più grandiose, più oscure in cui anche il synth è protagonista Ho sempre creduto nell’idea di scrivere musica a cui sei fedele sia come persona che come artista.

Mi piacerebbe parlare della figura di Eric Prydz. Un tuo grande amico e, allo stesso tempo, una persona che crede fortemente nel tuo talento. Cosa hai imparato da Eric e come è condividere il tuo percorso con lui?

Eric è un grande amico e mentore. Non solo, ma ha anche una grande influenza musicalmente. È fantastico stare al suo fianco e imparare da lui. Da consigli di produzione, a come comportarsi nel settore, a consigli su come affrontare le crisi di nervi prima dei concerti. Mi ha davvero insegnato molto e continua a farlo.

Prydz con il progetto “Holo” sfrutta le potenzialità dell’animazione 3d, rendendo il live set un’esperienza immersiva a 360 gradi. Vorresti lavorare su questi aspetti e cosa ne pensi del forte rapporto tra immagini e musica durante un dj set?

Mi piacerebbe espandermi nel mondo degli effetti visivi per il mio set, ed è nell’elenco degli “obiettivi” che ho. Sento che ti permette di aiutare a costruire il tuo brand se hai elementi visivi specifici per te e aiuta anche a raccontare loro la storia che anche la tua musica sta cercando di raccontare. Entrambi, insieme, sembrano essere il pacchetto completo a cui aspirare.

La tua nuova etichetta si chiama “Consequence of Society”. Oltre a volerti chiedere da dove viene la necessità di avere una tua etichetta, vorrei sapere quali sono le conseguenze della società che senti di vivere quotidianamente?

Avere la mia etichetta è sempre stato un obiettivo fin da quando ero un ragazzino, quindi era tutta una questione di “quando” piuttosto che di “se”. Dopo il lockdown ho avuto così tanto musica da pubblicare che io e il team abbiamo sentito che era il momento perfetto per avviare la mia piattaforma e rilasciare come e quando volevo, invece di adattarmi ad altri orari delle persone. La mia etichetta personale mi dà anche molta più libertà artistica, anche quando si tratta di produzione effettiva. Newcastle è una città meravigliosa,  ma non è la più ricca. È un’area della classe operaia dove la maggior parte delle persone sembrano andare di settimana in settimana. Non è stato diverso per me crescere. La società in cui sono cresciuto, e in cui vivo ancora, ha una grande influenza sulla musica che ascolto, suono e produco oggi.

Può essere una vita stressante, viaggiare costantemente. Dove trovi il tuo punto fisso per ripristinare il tuo equilibrio interiore? Hai mai sentito la pressione subentrare negli ultimi anni?

È estremamente stancante e lo faccio per il 99% da solo, il che lo rende più difficile. Tuttavia, sono veramente grato per l’opportunità che mi è stata data e riconosco come sia fortunato a poter viaggiare per il mondo facendo il lavoro che amo. Negli anni l’ho fatto, imparando a ridimensionarsi dopo le feste, ma continuo a essere socievole il più  possibile. Inoltre, ho imparato ad accettare che il mio schema del sonno è tutt’altro che
normale quindi va bene dormire tutto il giorno o avere giorni di totale relax in cui letteralmente non fare nulla. Prima di tutto ho sofferto molto per la privazione del sonno dopo alcuni lunghi tour perché non riuscivo ad adattarmi alle differenze di fuso orario. Quello era un momento difficile e ho dovuto prendere farmaci dai medici per aiutarmi a superare questo problema.

Cristoph at Tomorrowland

Ultima domanda. Quali sono i tuoi progetti futuri e come vedi il Cristoph del futuro?

Voglio continuare a imparare e crescere come artista. Continua a far crescere sia il Cristoph e “Consequence of Society”, brand che devono convivere fianco a fianco, crescendo lentamente. Ovviamente continuando ad avere le mie feste in giro per il mondo. Al di fuori del mondo “Cristoph”, sto iniziando lentamente ad entrare nel mondo della scrittura di musica in altri generi per cantanti ecc. È tutta un’enorme curva di apprendimento e mi sto davvero godendo il viaggio!


ENGLISH VERSION

Hi Cristoph, it is a pleasure to be able to speak with you. I would like to start by asking you how the experience at Tomorrowland is going, alongside Eric Prydz? What emotions do you feel playing on such an organized stage and what is the atmosphere like which you breathe inside the festival?

It’s a pleasure to speak to you too. Tomorrowland is an amazing experience every year I play, and this year was no different. To be involved in all 3 weekends truly was an honour. The Freedom Stage was absolutely huge and
the first week it was very overwhelming seeing the size of it which only made my nerves worse. These weeks were a lot more enjoyable. I was a little more relaxed so I could take in everything a lot more. Obviously, I was
extremely excited to play such an event too. Seeing the HOLO show was a real bonus as well.

You were born in Newcastle, a city which you are very attached to and that has a great electronic scene. How is the current electronic scene in Newcastle? And do you think that being born in a place that is far away from London, but still inspiring, in an era like ours where everything happens online could be limiting? Was it for you at the beginning of your career?

The scene in Newcastle is growing very well at the moment. There has already been some great talent who have blown up on the world scene from the area such as Patrick Topping, Richy Ahmed and Man Power. Then there
are more emerging talents coming through like Artche, Adz and Ladebare. I’m really proud of everyone who is following their dream and putting the city on the world map, especially since nights like the Shindig have slowed down on how often it happens and the city itself has become more student orientated. I never found it limiting being from or living in Newcastle and still don’t for anything apart from travel – it’s still a nightmare to get to and from! I just tried to let my music do the talking and think that’s probably the best formula no
matter where you originate from.

Your music touches very intimate emotional chords and has moments that I could define as melancholic. What is the relationship you have between your interiority and public life, and how difficult is it to represent this in music? Does it imply reliving perhaps negative moments, or does it take on a liberating function?

My mood has a major influence on the music I write. When writing darker, more emotional tracks I tend to draw upon past experiences. I also find myself taking influences from certain tv programmes and films, especially
those really intense scenes. I find writing music very liberating because I seem to express a lot of my emotions this way.

I’d like to talk for a moment about “Breathe”, a track that currently has 88 million streams on Spotify. Incredible numbers,  Cristoph did you expect them? And especially after such an important success have you ever felt the pressure of having to replicate it?

The success of Breathe really has took me by surprise. I’m really honoured to be part of such a well-known record. When we sat down to write it there was a sense of feeling that it may go a little more mainstream than the previous tracks I have produced but never in my wildest dreams did I think it would mass 88 million streams. Jem’s vocal is amazing and obviously that plays a huge helping hand. Afterwards I’ve never felt the pressure to replicate it. We never sat down and said ‘let’s write a hit’ it just happened. Maybe if I chased writing that style of music, I would feel more pressure but I just enjoy writing what I’m feeling that day in the studio.

“Turning Away” is the new collaboration with Ross Quinn. As soon as I heard the song, I thought it could represent a further step in the very evolution of the concept of progressive house, which in a certain sense
touches on melodic techno. How was this track born and do you think your music is now totally free from any genre barriers (or has it always been)?

The collab with Ross was organised pretty simply to be honest. I’ve been a fan of his voice for quite some time now, so I messaged him on Instagram during lockdown and asked if he wanted to write some vocals for an idea I
had. He did, so I we went from there. Once lockdown lifted, I felt the record needed to come more into my world so I wrote a few new versions in order to play them out for the bigger more industrial venues I was being booked for. I’m trying to just do my own thing in the music world and always have. I really like tracks with energy and drive, but also a real fan of these bigger, darker synth sounds too. I’ve always believed just to write music that you is true to who you are as a person and an artist.

Let’s talk about Eric Prydz for a moment. Your great friend and a person who strongly believes in your talent. What did you learn from Eric and how is it to share the internship with him?

Eric is a great friend and mentor. Not only that, but he is also a huge influence musically. It’s great to stand alongside him and learn from him. From production tips, to how to carry yourself in the industry, to tips to deal with nerves before gigs – he really has taught me a lot and continues to do so.

Prydz with the “Holo” project is exploiting the potential of 3d animation, making the live set an immersive experience at 360 degrees. Would you like to work on these aspects and what do you think of the strong relationship between images and music during a DJ set?

I would love to expand into the world where I have my own visuals for my sets, and it is on the list of ‘goals’ I have. I feel it allows you to help build your brand if you have visuals specific to you and also helps tell them the story which your music is trying to tell as well. Both of them together seem to be the full package for me to aspire to.

Cristoph at Tomorrowland

Your new label is called “Consequence of Society”. In addition to wanting to ask you where the need to have your own label came from, I would like to know what are the consequences of the society which you live in every day?

Having my own label has always been a goal ever since I was a little boy, so it was all a matter of ‘when’ rather than ‘If’. After lockdown I just had so much music to release that the team and I felt it was a perfect time to start up my own platform and release as and when I wanted to instead of fitting in to other people’s schedules. My own label also gives me a lot more artistic freedom when it comes down to actual production as well. Newcastle is an amazing city but isn’t the most affluent. It’s a working-class area where most people seem to get by week by week. This was no different for me growing up. The society I was brought up in, and still live in, has a major influence on the music I listen to, play and produce today.

It can be a stressful life, traveling constantly. Where do you find your fixed point to restore your inner balance and have you ever felt the pressure take over in recent years?

It’s extremely tiring and I do 99% of it on my own which makes it harder. However, I’m truly grateful for the opportunity I’ve been given and recognise how lucky I am to be travelling the world doing the job I love. Over the years I’ve learned to scale back on the after parties but continue to be as sociable as
possible. Also, I’ve learned to accept that my sleeping pattern is anything but normal so it’s ok to sleep through the day or have days of total relaxation where I literally do nothing. Before all that I suffered really badly with sleep deprivation after some long tours as I couldn’t adjust to the time differences. That was a
difficult time and I had to be put on medication from the doctors to help me through that.

Last question. What are your future projects and how do you see the Cristoph of the future?

I want to keep learning and growing as an artist. Continue to grow both the Cristoph and Consequence of Society brands side by side and slowly grow them in to having my own parties around the world. Outside of the ‘Cristoph’ world, I’m slowly starting to get into the world of writing music in other genres for singers etc. It’s all a huge learning curve and I’m really enjoying the ride!