ninety nine − = 91

Esce oggi il nuovo “Hush Hush EP” di Serge Devant per la Crosstown Rebels di Damian Lazarus. Abbiamo intervistato l’artista, ormai pronto alla ripartenza definitiva tra elaborazioni discografiche e performance dal vivo. 

La storia di Serge Devant ha davvero dell’incredibile! Artista a tuttotondo, cresciuto musicalmente attraverso una formazione classica. Dopo un grave infortunio alla schiena, a causa di una caduta in snowboard, dovette recuperare le forze uscendo di scena per un anno intero. Tuttavia, grazie alla sua caparbietà e determinazione è riuscito a trarre vantaggio persino da una situazione drammatica come questa! Avendo molto più tempo per dedicarsi al lavoro in studio, Serge ha messo su una serie di brani che lo hanno portato al successo discografico internazionale. La vera goccia che ha fatto traboccare il vaso è stata senz’altro la release “Fearing Love” sull’etichetta Emerald City di Jamie Jones, con cui Devant ha raggiunto la vittoria del premio per il miglior video musicale assegnatogli dall’Hollywood Independent Reel Film Festival 2016. Tra gli altri lavori ben considerati dalla critica, ricordiamo le uscite per Knee Deep In Sound di Hot Since 82, la Circus Recordings di Yousef e Crosstown Rebels di Damian Lazarus. Abbiamo avuto il piacere di intervistare Serge Devant chiedendogli alcune personali considerazioni sul mondo della notte odierno.

In questa occasione abbiamo approfittato per parlare del suo ritorno su Crosstown Rebels con il nuovo “Hush Hush EP” in uscita oggi sulle più importanti piattaforme digitali!

Serge Devant

Ciao Serge, benvenuto su Parkett! Siete pronti a vivere quella che sembra essere la prima estate senza limitazioni, dopo un po’ di tempo?

Sono decisamente entusiasta di un’estate totalmente libera e senza restrizioni. Anche se ho avuto il piacere di averne un assaggio in anticipo dato che vivo a Miami e le cose sono andate abbastanza bene qui già un po’ di tempo fa! Sono davvero felice che la libertà abbia finalmente raggiunto anche l’Europa.

Quali sono gli elementi su cui ti è piaciuto concentrarti di più durante la produzione di questo “Hush Hush” EP? Quale pensi sia il segno distintivo del tuo sound?

È sicuramente il Roland Sh-101, puoi sentire quel suono in quasi tutte le tracce, è sempre il suono principale che si apre durante il climax delle tracce. Ed è sia su “Flashback” che su “Hot Circuit”.

La creatività è sicuramente fondamentale per un artista: c’è qualcosa che contribuisce ad alimentare la tua produttività musicale?

Altra musica che sento nei club o produzioni di altri artisti. Tutto si alimenta a vicenda. Forse un bel pezzo vocale o qualcosa del genere, un campione interessante.

Come hai iniziato ad appassionarti al mondo della notte? C’è stato un momento particolare in cui hai capito che questa sarebbe stata la tua strada?

Sì, lo ricordo bene.. ho iniziato a ballare negli anni ’90 e dopo alcuni mesi ho deciso che volevo far parte di quel mondo. Stavo già comprando molti dischi in quel momento, senza il vero obiettivo di essere un DJ. Ma in seguito quella progressione è avvenuta in modo naturale, poiché tutti i miei amici stavano chiedendo l’elemosina per la musica che avevo trovato nei negozi di dischi, quindi farne un nastro e fare il DJ è stata l’unica opzione che ha preso vita a sé stante e ora è cresciuto fino a farmi diventare diventare un bambino ventisettenne.

Le etichette discografiche spesso faticano a pubblicare facilmente musica di artisti emergenti. Che consiglio daresti alle nuove generazioni per avvicinarsi a un’etichetta in modo efficace?

Bisogna solo continuare a fare musica, finché non è abbastanza buona che ogni etichetta voglia firmarla. Devi arrivare a poter scegliere, dicendo no agli altri. La qualità viene sempre prima della quantità. È stata un po’ una rovina avere A&R così scadenti negli ultimi due decenni in cui così tanti dischi di scarsa qualità inondano il mercato, rendendo difficile trovare le vere perle musicali.

Svelaci il tuo asso nella manica: pensi che pubblicare musica su alcune etichette selezionate possa essere meglio che pubblicare più brani su etichette meno conosciute?

Penso che ritorni alla qualità rispetto alla quantità.. credo che rilasciare meno materiale (di alta qualità) su un’etichetta di successo sia più efficiente di molti riempitivi su etichette meno conosciute. Ma questa è la mia opinione.

Durante il tuo viaggio hai toccato alcune tappe importanti, tra cui il Club Space di Miami o il DC-10. Ci sono dei momenti magici da DJ che porterai per sempre nel tuo cuore?

Sì, ce ne sarebbero così tanti da elencare.. suonare in quei posti sono stati alcuni dei migliori momenti e risultati per me. Dopo aver festeggiato per decenni sulle loro piste da ballo, è stato fantastico passare al timone della consolle per un giro sfrenato… semplicemente stupefacente.

Come dividi il lavoro in studio con le esibizioni in tutto il mondo? Ci sono periodi intensi in cui non puoi produrre nuova musica o stai sempre sperimentando?

Di solito succede in inverno e in primavera, mi piace stare calmarmi rispetto agli eventi, per concentrarmi in studio senza interruzioni di feste, viaggi e persino amici. Così posso immergermi completamente nella musica. E poi arriva l’estate: il tempo delle feste!

Quali sono i tuoi progetti per il prossimo futuro?

Produrre più musica, aprire un’etichetta di mia proprietà e divertirmi tantissimo!

Grazie per questa bellissima chiacchierata!

_____________________________________________________________________________

Puoi acquistare il nuovo lavoro “Hush Hush” di Serge Devant >> QUI

ENGLISH VERSION

Serge Devant‘s career is truly incredible! A well-rounded artist, he grew up musically through a classical training. After a serious back injury, due to a fall on a snowboard, he had to regain his strength by leaving the scene for a whole year. However, thanks to his stubbornness and determination he was able to take advantage of even a dramatic situation like this! Having much more time to devote himself to studio work, Serge put on a series of tracks that led him to international record success. The real straw that broke the camel’s back was undoubtedly the release “Fearing Love” on Jamie JonesEmerald City label, with which Devant won the award for best music video awarded to him by the Hollywood Independent Reel Film Festival 2016. Other critically acclaimed works include releases for Hot Since 82‘s Knee Deep In Sound, Yousef‘s Circus Recordings and Damian LazarusCrosstown Rebels. We had the pleasure of interviewing Serge Devant asking him some personal considerations on today’s world of the night.

On this occasion we took the opportunity to talk about his return to Crosstown Rebels with the new “Hush Hush EP” released today on the most important digital platforms!

Hi Serge, welcome to Parkett! Are you ready to experience what seems to be the first summer without limitations, after some time?

I am definitely excited about a totally open and restriction-free summer.. even though I’ve had the pleasure to get an early taste as I live in Miami and things got going here a while ago already! I’m definitely happy it has finally reached Europe as well.

What are the elements you liked to focus on the most during the production of this Ep? What do you think is the hallmark of your sound?

It’s definitely Roland Sh-101, you can hear that sound in almost every track, it’s always the main sound that opens up during climax of the tracks. And is on both “Flashback“ and “Hot Circuit”.

Creativity is certainly fundamental for an artist: is there anything that contributes to fuel your musical productivity?

Other music that I hear in the clubs or other producers make. Old jams and so on.. it all fuels each other. Perhaps a nice vocal piece or something of that kind, an interesting sample.

How did you start to get passionate about the world of the night? Was there a particular moment when you realized that this would be your path?

Yes I remember it distinctively as I started clubbing in the 90s, after a few months I decided that I wanted to be a part of it. I was already buying a lot of records at the time without an actual a goal to be a DJ. But later that progression happened naturally as all my friends were begging for the music I had found in the record stores, so making them a tape and to DJ was the only option which took a life of its own and now grew into a 27 year old baby.

Record labels often struggle to easily release music from emerging artists. What advice would you give to the new generation to approach a label effectively?

Just to keep making music until it’s good enough that every label wants to sign it and you have to say no to others. Always quality over quantity. It’s been a bit of a downfall by having such poor A&R the past couple decades where so many poorly made records flood the market, making it difficult to find the gems.

Tell us your ace up your sleeve: do you think releasing music on a few select labels might be better than releasing more tracks on lesser known labels?

I think it goes back to quality over quantity, I believe releasing less but real quality material on a successful label is more efficient than many fillers on less known labels. But that’s my opinion.

Serge Devant

During your journey you have played in important stages, including the Club Space in Miami or the DC-10. Are there some magical moments as a DJ that you will carry in your heart forever?

Yes there are so many to list.. playing those places were some of the top moments and achievements for me. After partying on their dance floors for decades it felt amazing taking those ships for a wild ride…. simply amazing.

How do you divide studio work with performances around the world? Are there busy periods when you can’t produce new music or are you always experimenting?

It usually happens in winter and spring, I like to stay behind and go easy on touring to focus in the studio without interruptions of parties, traveling and even friends. And just completely immerse myself in the music . And then summer comes and its party time!!

What are your plans for the near future?

Make more music, open a label, have tons of fun!!

Thanks for this great conversation with us!

_____________________________________________________________________________

You can grab your copy of “Hush Hush EP” by Serge Devant >> HERE