seventy three − sixty six =

Dopo lo straordinario successo dello scorso anno, gli Electronic Music Awards ritornano per l’edizione 2018, con un evento straordinario previsto il prossimi 8 novembre a Los Angeles.

La serata di premiazione delle migliori release, dei DJ e produttori più amati e richiesti nonchè dei più apprezzati “live act” a livello internazionale farà il suo ritorno ai Willow Studios nel Downtown Arts District di Los Angeles. Anche quest’anno la serata sarà trasmessa in live streaming attraverso le piattaforme social della manifestazione.

We’re All The Same On The Dance Floor” è lo slogan scelto per l’edizione 2018 degli Electronic Music Awards: luguaglianza unita all’eccellenza e all’importanza della qualità musicale, per dare visibilità e giusto riconoscimento all’industria dell’elettronica.

Un tributo che segue quello recente ottenuto agli ultimi Grammy Awards, dove sono stati premiati, tra gli altri, Kraftwerk e LCD Soundystem.

Agli EM Awards 2018 saranno presenti tredici categorie per altrettanti premi che avranno come comun denominatore la non discriminazione e il rispetto delle diversità sotto l’insegna trasversale della musica digitale.

Per il secondo anno, gli EMA rappresentano l’occasione per riunire le migliaia di operatori e professionisti del settore, tra commerciali, creativi, dirigenti e “semplici” visionari che, insieme agli artisti mainstream e a quelli underground rendono la musica dance-electronica una delle forze trainanti dell’industria musicale contemporanea.

In questo contesto sarà l’uguaglianza il tema centrale che caratterizzerà non soltanto le performance degli artisti invitati ma anche le testimonianze e i racconti dei DJ e produttori protagonisti dei contenuti annunciati come EM Awards Series; quest’ultimi saranno a breve disponibili on line nei mesi precedenti l’evento.

In occasione della prima edizione l’Electronic Music Awards ha ospitato le esibizioni dal vivo di artisti del calibro di Nicholas D. Miller aka Millenium, Moby, Goldfish e molti altri; le performance sono state apprezzate in streaming da oltre due milioni di persone.

Quello andato in scena lo scorso anno è stato anche il primo award show in assoluto ad essere trasmesso nel formato live streaming a 360 gradi sulla piattaforma Twitter, conferendo così alle performance più rappresentative dell’evento una profondità e una dimensione immersiva tali da captare oltre 3,4 milioni di visualizzazioni in poco più di 2 ore.

L’evento annunciato per novembre a Los Angeles sarà, in analogia con la prima edizione, più simile ad una serata o ad un festival che ad una cerimonia di premiazione.

La seconda edizione della manifestazione ideata e promossa dal DJ e producer Paul Oakenfold, con la collaborazione di Hunt & Crest,  dovrebbe avere un impatto mediatico ancora più ampio promettendo, come peraltro già avvenuto nelle dichiarazioni di lancio, una copertura live streaming di tutte le performance.

Tra i vincitori degli award dello scorso anno ricordiamo, tra gli altri, Eric Prydz (DJ of the Year), Rufus Du Sol (Live Act of the Year), Bonobo (Album of the Year) e Alison Wonderland (New Artist of the Year).

Tra gli highlitghts dell’edizione 2017 anche l’omaggio alla techno di Detroit, con un viaggio alle radici dell’elettronica della Motor City ed il featuring di artisti quali Juan Atkins, Floorplan, Delano Smith e i fratelli Saunderson.

L’Electronic Music Awards si svolge secondo un regolamento interno che prevede due round di votazione da parte di una commissione di 85 esperti, composto da professionisti autorevoli della community che ruota attorno alla scena dance ed elettronica.

Leggi l’elenco completo dei vincitori degli EM Awards 2017:

2017 Electronic Music Award Winners
Album of the Year – Bobobo – Migration
Single of the Year – Major Lazer ft. Justin Bieber & MØ – “Cold Water”
Record of the Year – 
Rufus Du Sol – “Innerbloom” (Sasha Remix)
Remix of the Year – Flume – “Say It” (Illenium Remix)
Festival of the Year – EDC
Club of the Year – Output – New York
Radio Show of the Year – Diplo – Diplo & Friends
New Artist of the Year – Alison Wonderland
DJ of the Year – Eric Prydz
Live Act of the Year – Rufus Du Sol
Producer of the Year – Cashmere Cat