Il ministro degli interni della Georgia, Giorgi Gakharia si è scusato con i manifestanti fuori dal palazzo del Parlamento domenica notte per le irruzioni della polizia di sabato al Bassiani e Café Gallery di Tbilisi.

Domenica sera, Gakharia ha fatto una dichiarazione dal palazzo del Parlamento a Tbilisi, dove è avvenuta la protesta:

“Mi scuso non solo a nome mio, ma a nome di qualsiasi rappresentante del ministero dell’Interno se ha messo mette in pericolo voi o la vostra sicurezza. Allo stesso tempo, vorrei chiedere a chi ha insultato coloro che indossavano le divise proteggendo voi e la vostra sicurezza, di perdonarli “.

Una persona che era presente durante la scena ha riferito a Resident Advisor che la seconda parte delle scuse è stata accolta con fischi, in quanto i manifestanti erano ampiamente positivi e “nessuno di noi aveva fatto alcun danno alla polizia”.

Sabato mattina, la polizia armata ha fatto irruzione nei due club di Tbilisi e arrestato circa 60 persone, secondo una dichiarazione rilasciata da Bassiani. I fondatori del club, Tato Getia e Zviad Gelbakhiani, compaiono tra gli arrestati.

In risposta, la comunità del club si è presentata al di fuori del Parlamento della Georgia per un rave di protesta.

La dichiarazione di Gakharia ha anche riconosciuto la severa politica antidroga della Georgia e ha promesso di cambiarla dichiarando:

“Prometto anche che otterremo risultati specifici nella direzione della politica sulle droghe e, se le promesse non verranno mantenute, saremo sempre in grado di ballare o ascoltare musica in una città libera”.

Guarda la dichiarazione completa di Gakharia.